Fisica ...tra Scienza e Mistero (Universo,Energia,Mente e Materia)

Fisica ...tra Scienza e Mistero (Universo,Energia,Mente e Materia)

Il forum scientifico di Fausto Intilla (Inventore-divulgatore scientifico) - WWW.OLOSCIENCE.COM
 
IndicePortaleFAQCercaRegistrarsiLista utentiGruppiAccedi

Condividere | 
 

 In che punto siamo dell'universo??

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Claudio Sauro



Numero di messaggi : 286
Localisation : Italia
Data d'iscrizione : 19.10.09

MessaggioOggetto: In che punto siamo dell'universo??   Ven Giu 28, 2013 6:49 pm

Quello che non ho ancora capito dai teorici del Big-Bang è in quale punto dell'universo si troverebbe attualmente il sistema solare. Se qualche esperto me lo potesse spiegare.
Che poi l'universo abbia la grandezza complessiva, dall'inizio alla fine di 13,7 miliardi di anni luce è una solenne cavolata.
Perchè hanno visto galassie a 13,7 miliardi di anni luce a destra, ne hanno visto ugualmente distanti a sinistra, davanti e dietro, sopra la testa e sotto i piedi.
Caso mai il valore di 13,7 va moltiplicato per due.
Che poi esistano galassie più lontane neppure dirlo. Qualche anno fa il gigantesco telescopio Cileno composto da tre specchi di otto metri le cui immagini convergono e vengono elaborate da un elaboratissimo computer, ebbene gli astronomi di quell'osservatorio avevano affermato di aver osservato galassie a 20 miliardi di anni luce, notizia che era apparsa anche su Nature, e della quale poi non se ne è sentito più parlare.
Io credo che quei 13,7 miliardi di anni luce dipendano dalla limitatezza dei nostri mezzi più che da una distanza reale. C'è poi da tener conto che quelle galassie erano a 13,7 miliardi di anni luce, 13,7 miliardi di anni fa e visto la velocità che hanno secondo i teorici del Big-Bang attualmente dovrebbero essere a distanza almeno doppia, mi pare un ragionamento talmente banale, tale da essere proposto alle elementari.
Ebbene ritornando alla posizione del sistema solare nell'universo c'è veramente da chiedersi in che punto siamo noi. Perchè non insieme alle ultime galassie in fuga? Se il Big-Bang è stata un esplosione ci sarebbe da aspettarsi il classico palloncino che si gonfia, ma questa del palloncino è stata smentita, perchè se ci fosse il palloncino ci sarebbe un universo con un vuoto enorme in mezzo, invece così non è, la distribuzione delle galassie è abbastanza regolare, cioè l'universo è un pieno di galassie, e noi torno a richiederlo in che punto saremmo di questo pieno Poi si è detto che questo pieno è addirittura piatto, ed allora in quale punto di questa pizza noi ci troveremmo????

Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
pier



Numero di messaggi : 739
Data d'iscrizione : 10.10.07

MessaggioOggetto: Re: In che punto siamo dell'universo??   Lun Lug 01, 2013 7:38 pm

Claudio Sauro ha scritto:
Quello che non ho ancora capito dai teorici del Big-Bang è in quale punto dell'universo si troverebbe attualmente il sistema solare.

Guarda un po' il link http://www.media.inaf.it/2013/03/21/dal-big-bang-a-oggi-ecco-luniverso-di-planck/ con il relativo video.
Il probelma seondo me non è quanto è grande l'universo ma quanti  universi o multiversi ci sono .
-Per multiverso si intende un insieme di universi coesistenti e alternativi al di fuori del nostro spaziotempo, spesso denominati dimensioni parallele, che nascono come possibile conseguenza di alcune teorie scientifiche. Il concetto di multiverso viene ripreso anche come ambientazione da molti romanzi di narrativa fantasy o fantascientifica. Il concetto di multiverso fantasy e fantascientifico prende spunto da quello cosmologico.Il multiverso è, scientificamente parlando, un insieme di universi coesistenti previsto da varie teorie, come quella dell'inflazione eterna di Linde o come quella secondo cui da ogni buco nero esistente nascerebbe un nuovo universo, ideata da Smolin. Le dimensioni parallele sono contemplate anche in tutti i modelli correlati al concetto di D-brane, classe di P-brane inerenti alla teoria delle stringhe.

Hugh Everett III e la sua "interpretazione a molti mondi" [modifica]

Il concetto di multiverso viene proposto in modo serio per la prima volta nella cosiddetta "interpretazione a molti mondi" della meccanica quantistica, proposta da Hugh Everett III nella sua tesi di dottorato (The Many-Worlds Interpretation of Quantum Mechanics, abbreviata in MWI); questa interpretazione prevede che ogni misura quantistica porti alla divisione dell'universo in tanti universi paralleli quanti sono i possibili risultati dell'operazione di misura.

La teoria del multiverso proposta da MWI ha un parametro di tempo condiviso. In molte delle sue formulazioni, tutti gli universi costituenti il multiverso sono strutturalmente identici, e possono esistere in stati diversi anche se possiedono le stesse leggi fisiche e gli stessi valori delle costanti fondamentali. Gli universi costituenti sono inoltre non-comunicanti, nel senso che non può esservi un transito di informazioni tra di essi, anche se nell'ipotesi di Everett potenzialmente possono esercitare un'azione reciproca
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
 
In che punto siamo dell'universo??
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Le meraviglie dell' universo.
» Installazione Black Box: a che punto siamo? I dati del Ministero
» Sistri.. A che punto siamo dopo il cambio del governo??
» Sentenza della Corte Costituzionale n.127 dell'8 aprile 2010 (centri di raccolta)
» cerco appunti di ARCHEOLOGIA E STORIA DELL'ARTE GRECO E ROMANA e di ARCHEOLOGIA CRISTIANA

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Fisica ...tra Scienza e Mistero (Universo,Energia,Mente e Materia) :: Astrofisica e Astronomia-
Andare verso: