Fisica ...tra Scienza e Mistero (Universo,Energia,Mente e Materia)

Fisica ...tra Scienza e Mistero (Universo,Energia,Mente e Materia)

Il forum scientifico di Fausto Intilla (Inventore-divulgatore scientifico) - WWW.OLOSCIENCE.COM
 
IndicePortaleFAQCercaRegistrarsiLista utentiGruppiAccedi

Condividere | 
 

 La libertà e indeterminazione quantistica del cervello

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
pier



Numero di messaggi : 739
Data d'iscrizione : 10.10.07

MessaggioOggetto: La libertà e indeterminazione quantistica del cervello   Gio Nov 22, 2007 1:46 pm

Ho trovato alcuni stralci da un libro di una donna , laureata in fisica e filosofia . Allego l'interessante concetto della libertà da lei elabarato secondo queste due scienze che a quanto pare coinciderebbero sotto molti aspetti .

Nel nostro sistema cosciente, l'atto di concentrazione è il processo attraverso il quale l'energia viene immessa nel cervello. Siamo tutti consapevoli che quando le energie di riserva sono basse troviamo difficile concentrarci. Ma quando possediamo energia, il suo incanalamento dentro il cervello ha l'effetto di commutare il condensato cerebrale Bose-Einstein da uno stato quantistico a bassa energia in uno ad alta e quindi di commutare i nostri processi di pensiero dalle immagini confuse del pensiero possibile al più strutturato e classico dettaglio del pensiero concentrato.;
'In—una concezione quantistica della coscienza, allora, abbiamo sia la definizione fondamentale di scelta sia la comprensione del meccanismo fisico che la rende possibile. Ogni scelta, in se stessa, è semplicemente il collasso della funzione d'onda del «pensiero possibile» in pensiero definito, e il processo fisico per mezzo del quale ciò si verifica è la commutazione del condensato cerebrale BoseEinstein da uno stato quantistico pluripossibilistico a uno stato quasi-classico più definito. Tutte le scelte del genere sono necessariamente libere a causa dell'essenziale indeterminazione quantistica del cervello, indeterminazione che esiste sia nel suo sistema quantistico sia nelle risposte di innesco alla stimolazione di singoli neuroni .
Ma questo modello di scelta quantistica, ridotto all'osso, lascia ancora irrisolte le questioni più interessanti. Come e perché, per esempio, compio effettivamente le scelte che compio, e se sono libero di farne di ogni tipo, perché tanto spesso assumo quelle che sono chiaramente cattive, per me stesso e per gli altri? In che misura posso controllare le scelte quantistiche apparentemente indeterminate — controllare la mia libertà, in altre parole e quindi in che misura la mia libertà mi rende responsabile delle mie scelte?
La risposta del senso comune a molte di queste domande , di chi crede totalmente nella libertà, dice che l'uomo è una creatura razionale, dotata della capacità di analizzare logicamente le situazioni e di riflettere sui probabili esiti di ogni scelta assunta. Si ritiene che sia la libertà sia la responsabilità derivino da capacità di questo tipo, il che è anche il motivo per cui tanto spesso viene negato che gli animali posseggano il libero arbitrio o che i bambini debbano essere considerati responsabili delle proprie azioni.
Tuttavia, questa nozione secondo la quale scelta e ragione nella decisione di una persona libera si trovano necessariamente collegate è piuttosto esagerata e impedisce di vedere la vera natura della scelta e della libertà dell'io quantico. La libertà quantistica è una cosa di gran lunga più straordinaria di quanto non ci faccia credere la nostra fiducia nel potere della ragione.
Prendiamo, per esempio, la scelta di smettere di fumare. Tutte le mie capacità di ragionevolezza mi dicono che il fumo è dannoso per me e probabilmente per quelli che mi stanno vicini. Se ascolto la ragione, decido inevitabilmente che dovrei smettere. Posso anche autoconvincermi di realizzare la decisione promettendo di smettere «domani» o prenotandomi per qualche espediente tipo l'ipnosi o l'agopuntura. Ma gli effetti degli espedienti sono di breve durata e domani è lungo a venire. Io continuo ad agire contro la ragione, a scegliere contro di essa ogni volta che accendo un'altra sigaretta.
Ma un giorno smetto: una mattina, senza motivo di sospettare che accada una cosa del genere, sollevo il pacchetto di sigarette solo per rimetterlo di nuovo giù. Ho scelto di smettere, ho effettivamente compiuto la scelta e ho agito di conseguenza. Ma perché?
In termini quantistici, questo «perché» non ha una risposta precisa. Tutte le risposte definite, ogni logica e ragione, sono strutture classiche, che si presentano solo nel momento in cui la funzione d'onda del pensiero si riduce, cioè dopo il momento della scelta. Non è la logica che fa le scelte: questo sarebbe un modo di pensare determinista. Piuttosto le scelte, le nostre scelte libere e indeterminate, che sono associate a un insieme similmente sovrapposto di ragioni collegate con esse, danno origine alla logica.
Facendo una scelta, ci facciamo anche una ragione di essa, ragione che quindi la logica usa per spiegare la scelta. Ma un'altra scelta sarebbe stata associata con un'altra ragione, che avrebbe placato ugualmente bene la sete di spiegazioni della logica. Dirò che ho smesso di fumare perché sapevo che era dannoso per la salute: ma avrei detto ugualmente, se non fossi riuscita a smettere, che era perché avevo una volontà troppo debole, o perché avevo bisogno di attenuare la tensione ecc. Questi «perché» che uso per spiegare la scelta rivelano qualcosa della mia persona, ma non determinano la scelta in sé.
Alcuni psicoanalisti e psicoterapeuti ritengono che il valore effettivo del loro lavoro derivi non dalla vaga capacità di trovare le cause del comportamento dei pazienti, come sosteneva Freud, ma piuttosto dallo scoprirne il significato — dalla scoperta, cioè, di che cosa suggerisce riguardo a noi stessi l'assunzione di certe scelte e di ciò che apprezziamo. La scelta di smettere di fumare indica che tengo in gran conto la salute e la longevità e, oltre a ciò, che forse sono il tipo di persona che sa resistere a una tentazione immediata per amore di un utile futuro; la scelta di non smettere potrebbe aver indicato che preferisco piaceri immediati anche se temporanei a vantaggi a lungo temine.
Ma, indipendentemente dal significato e da ciò che rivela su di me, la scelta in sé ha preceduto ogni «perché». È stata compiuta in uno straordinario momento di libertà, in quello che Kierkegaard chiamerebbe «balzo di fede». Ciò nonostante sono stata io a compiere la scelta, io che, in uno strano dialogo quantistico fra la funzione d'onda indeterminata che rappresenta me stessa e quella delle mie scelte possibili, ho deciso di smettere. E quella scelta è stata responsabilità di niente e di nessuno se non di me stessa. Questo è il tremendo fardello della libertà, che ci rende responsabili di scelte sulle quali non abbiamo un controllo pieno e cosciente

Pier
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
scabini pierluigi



Numero di messaggi : 98
Data d'iscrizione : 26.06.07

MessaggioOggetto: Re: La libertà e indeterminazione quantistica del cervello   Mer Nov 28, 2007 1:14 pm

Rispondo velocemente e intuitivamente.........
Si penso anche io che sia l'io quantico di cui siamo costituiti che costituisce tutte le nostre possibilita di scelta che collassa da queste insieme di possibilita una scelta effettiva........ E questo coincide un po come passare dal "pensiero possibile" al "pensiero attuato" effettivo che determina una scelta........., ma questo dipende solo dall'essere che siamo e non c'è alcuna ragione razionale, è semplicemente cio che siamo e vogliamo essere consapevolmente o inconsapevolmente, da li nasce la scelta, la siamo, quindi ne siamo i creatori.......
Possiamo scegliere razionalmente o irrazionalmente o con un misto di
entrambe, o attraverso altri stati d'essere che non conosciamo ancora, ma la scelta viene dalla nostra consapevolezza o stato d'essere, è in quello che siamo......... E in un certo momento presente, da un punto di vista quantico, siamo una funzione d'onda indeterminata che "contiene" tutte le nostre possibilita di scelta, possibilita di destino, e possiamo esserne consapevoli o inconsapevoli o in parte consapevoli, ma in sostanza noi siamo questa funzione d'onda indeterminata........, l'abbiamo creata come "noi stessi" attraverso noi stessi e il nostro esistere e il nostro agire a partire dal nostro esistere.......
Quindi siamo sempre respondabili di cio che abbiamo, perche possiamo sempre evolvere noi stessi........., un qualunque pensiero consapevolmente creato costituisce una possibilita di scelta che possiamo far collassare in pensiero consapevolmente attuato, cioè in scelta per la nostra vita, consapevolmente attuata, che costituisce un salto quantico del nostro corpo che si immette in un altro flusso di destino rispetto l'attuale
presente...... Dobbiamo imparare a farlo e farlo........ Ogni pensiero è una potenziale realtà.......

Ciao, ciao
Pier / Nulla
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
 
La libertà e indeterminazione quantistica del cervello
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Scoperta la Zona del Dolore nel cervello (Ouch Zone), Irene Tracey Team Research o Associazione VulvodiniaPuntoInfo ONLUS
» V PER VENDETTA
» IL CORPO UMANO E I SUOI APPARATI, classe I e V
» Intestino irritabile: SCI (Sindrome del Colon Irritabile) ? Vulvodinia.info
» Viva la libertà! (film di Roberto Andò, con Tony Servillo)

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Fisica ...tra Scienza e Mistero (Universo,Energia,Mente e Materia) :: Pensieri e Parole-
Andare verso: