Fisica ...tra Scienza e Mistero (Universo,Energia,Mente e Materia)

Fisica ...tra Scienza e Mistero (Universo,Energia,Mente e Materia)

Il forum scientifico di Fausto Intilla (Inventore-divulgatore scientifico) - WWW.OLOSCIENCE.COM
 
IndicePortaleFAQCercaIscrivitiLista utentiGruppiAccedi
Condividere | 
 

 La "macchina dei terremoti " di Nikola Tesla

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
alessandro albor



Numero di messaggi: 43
Data d'iscrizione: 25.10.09

MessaggioOggetto: La "macchina dei terremoti " di Nikola Tesla   Sab Ott 31, 2009 6:37 pm



Tesla's Earthquake Machine
http://www.frank.germano.com/earthquake.htm

Telegram, July 11, 1935 -

Nikola Tesla revealed that an earthquake which drew police and ambulances to the region of his laboratory at 48 E. Houston St., New York, in 1898, was the result of a little machine he was experimenting with at the time which "you could put in your overcoat pocket." The bewildered newspapermen pounced upon this as at least one thing they could understand and Nikola Tesla, "the father of modern electricity" told what had happened as follows:

Tesla stated, "I was experimenting with vibrations. I had one of my machines going and I wanted to see if I could get it in tune with the vibration of the building. I put it up notch after notch. There was a peculiar cracking sound. I asked my assistants where did the sound come from. They did not know. I put the machine up a few more notches. There was a louder cracking sound. I knew I was approaching the vibration of the steel building. I pushed the machine a little higher. "Suddenly all the heavy machinery in the place was flying around. I grabbed a hammer and broke the machine. The building would have been about our ears in another few minutes. Outside in the street there was pandemonium. The police and ambulances arrived. I told my assistants to say nothing. We told the police it must have been an earthquake. That's all they ever knew about it."

Some shrewd reporter asked Dr. Tesla at this point what he would need to destroy the Empire State Building and the doctor replied: "Vibration will do anything. It would only be necessary to step up the vibrations of the machine to fit the natural vibration of the building and the building would come crashing down. That's why soldiers break step crossing a bridge."

"On the occasion of his annual birthday celebration interview by the press on July 10, 1935 in his suite at the Hotel New Yorker, Tesla announced a method of transmitting mechanical energy accurately with minimal loss over any terrestrial distance, including a related new means of communication and a method, he claimed, which would facilitate the unerring location of underground mineral deposits. At that time he recalled the earth-trembling "quake" that brought police and ambulances rushing to the scene of his Houston Street laboratory while an experiment was in progress with one of his mechanical oscillators..."
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Fausto
Admin


Numero di messaggi: 400
Età: 42
Localisation: Switzerland
Data d'iscrizione: 12.06.07

MessaggioOggetto: Re: La "macchina dei terremoti " di Nikola Tesla   Dom Nov 01, 2009 10:33 am

Tali teorie sono esposte in questo video documentario di History Channel,
a partire dal minuto 6' e 20'':


Il Trasmettitore d'amplificazione (Fonte: Wikipedia):
Il trasmettitore d'amplificazione è una versione alternativa della bobina di Tesla.È un oscillatore armonico ad alta potenza che Tesla propose per la trasmissione elettrica di energia senza fili. Il trasmettitore d'amplificazione è un trasformatore a nucleo ad aria multi risonante che può generare tensioni molto alte.Tesla originariamente lo chiamò trasformatore risonante auto rigenerativo, un termine che non è più in uso comune.

Il primo 'amplificatore' fu assemblato a New York nel periodo fra il 1895-1898. Nel 1899 un più grande amplificatore fu costruito in Colorado Springs, Colorado.Questa macchina fu usata per condurre fondamentali esperimenti nella comunicazione senza fili e nella trasmissione elettrica di potenza.misurava 51 piedi (15.5 metri) di diametro, sviluppava un potenziale stimato di 3.5 a 4 milioni di volt ed era capace di produrre scariche elettriche di oltre 100 piedi (30 m) in lunghezza.

Nel 1899, Tesla decise di muoversi e cominciare la ricerca in Colorado Springs. Egli scelse questo luogo primariamente a causa delle frequenti tempeste, l'elevata altitudine (dove l'aria, avendo pressione più bassa, ha una più bassa forza dielettrica di rottura , rendendola più facile da ionizzare), e la poca umidità dell'aria (minimizzando le perdite di cariche elettriche attraverso materiali isolanti). Tesla aveva un diario scritto a mano dei suoi esperimenti nel laboratorio di Colorado Springs dove trascorse quasi nove mesi.Esso consiste di 500 pagine di appunti e circa 200 disegni, registrati cronologicamente fra il 1º giugno 1899 e il 7 gennaio 1900, parallelamente al suo lavoro, contenendo spiegazioni dei suoi esperimenti.

In Colorado Tesla costruì molti trasformatori risonanti più piccoli e condusse altre ricerche su concatenati circuiti elettrici sintonizzati.Tesla progettò vari apparecchi sensibili per determinare l'energia elettrica ricevuta, inclusi coesori rotanti. Questi usavano un meccanismo ad orologio di ingranaggi guidati da una molla a bobina che ruotava un piccolo cilindro di vetro contenente polveri metalliche. Questi esperimenti furono lo stadio finale dopo anni di lavoro su sincronizzati circuiti elettrici sintonizzati. Questi strumenti furono costruiti per dimostrare come un ricevitore senza fili potrebbe essere sintonizzato per rispondere a specifici segnali complessi mentre ne rifiuta altri. Tesla registrò nel suo diario nel 2 gennaio 1900 che un separato trasformatore risonante sintonizzato alla stessa alta frequenza di un altro (trasformatore risonante ad alta frequenza) più grande ( che agisce come un trasmettitore ) riceve energia dalla bobina più grande,una delle molte dimostrazioni della trasmissione di energia elettrica senza fili. Questi esperimenti aiutarono a confermare la priorità di Tesla nell'invenzione della radio durante le tarde dispute nei tribunali.Questi trasformatori con nucleo ad aria risonanti ad alta frequenza erano i predecessori di sistemi che vanno dalla radio alla risonanza magnetica nucleare medica.

Nel 4 luglio 1899, Tesla scoprì le onde stazionarie terrestri all'interno della terra.Egli dimostrò che la terra si comporta come un conduttore lucido liscio e possiede vibrazioni elettriche.Dimostrò che la terra poteva rispondere a predeterminate frequenze di vibrazione elettrica.Tesla condusse esperimenti che contribuivano a capire la propagazione elettromagnetica della risonanza terrestre. Trasmise segnali per molti chilometri ed accese tubi al neon conducenti attraverso il terreno.

Tesla indagò mezzi per trasmettere energia senza fili su grandi distanze (per mezzo di onde trasversali a meno estese e più immediate onde longitudinali).Egli trasmise frequenze estremamente basse (ELF) attraverso il terreno così bene come tra la superficie della terra e lo strato di Kennelly-Heaviside (ionosfera ndt).Ricevette brevetti su transricevitori che sviluppavano onde stazionarie con questo metodo.

L'amplificatore di potenza fu la base del progetto della torre di Wardenclyffe di Tesla.Sebbene le moderne bobine di Tesla sono disegnate per generare scariche distruttive, questo sistema fu progettato per la comunicazione senza fili e la trasmissione di potenza via onde longitudinali e correnti telluriche. Nel 1925 John B. Flowers avanzò una proposta per provare il sistema di Tesla ed implementarlo. H. L. Curtis il capo dell'Ufficio degli Standards dei Laboratori Radio a Washington, e J. H. Dillinger,un fisico, rivedettero la proposta ma declinarono di attuare il piano proposto.

Oscillatore elettromeccanico:
Tesla sviluppò un reciproco oscillatore elettromeccanico come fonte di frequenza stabile o corrente elettrica alternata isocrona usato in congiunzione con entrambi gli apparati trasmittenti e riceventi senza fili.Questo elemento di circuito era applicato alla stessa maniera di come lo sono ora i timer a cristalli di quarzo (scoperti nel 1920 ndt).Propose l'uso di questo strumento per l'esplorazione geofisica sismologia – una tecnica che chiamò telegeodinamica.
http://ultimenotizieblog.blogspot.com/2008/05/larma-sismica-la-telegeodinamica-di.html

Il trasmettitore d'amplificazione e la Wardenclyffe Tower:
La disposizione del trasmettitore d'amplificazione di Wardenclyffe è ben conosciuta, basata su i brevetti di Tesla e varie foto in cui il concetto fu applicato. Il trasmettitore d'amplificazione non è identico alla classica bobina di Tesla.Esso ha una corta sottile primaria e secondaria induttanza caratteristica della bobina di Tesla, sebbene l'accoppiamento magnetico fra i due è più sottile. A causa di ciò, devono essere prese misure più aggressive in termini di assorbimento di scariche del primario e provvedere ad isolamenti addizionali tra il primario ed il secondario.In aggiunta a queste due bobine a grande raggio che comprendono l'oscillatore principale, Tesla aggiunse una terza induttanza chiamata 'bobina extra'.

Costruzione e teoria d'operazione:
Nella classica bobina di Tesla la bobina primaria guida il terminale di terra della secondaria per formare il trasformatore portante, che risuona l'intera seconda bobina.Nel trasmettitore d'amplificazione la guida e la risonante parte del secondario sono bobine separate. Da un'analisi fissa del circuito c'è una piccola differenza tra la bobina classica e il trasmettitore.
La bobina extra o risonatore elicoidale può essere fisicamente separata dalle due strettamente accoppiate che comprendono l'oscillatore principale o la sezione guida.La potenza è alimentata dall'oscillatore principale al terminale più basso della bobina risonante extra attraverso un conduttore elettrico di grande diametro o tubo per minimizzare le scariche.
La base guida della bobina extra del trasmettitore si comporta come un risonatore elicoidale a onda lenta, la disturbanza assiale che si propaga ad una velocità meno che l'1 % fino al 10 % della velocità della luce nello spazio libero.La velocità assiale del campo elettromagnetico del trasmettitore d'amplificazione è stabilita dal punto della bobina e la velocità di propagazione della carica elettrica attraverso il circuito.

Operazione:
Tesla tentò di sviluppare onde stazionarie di frequenza molto bassa nel circuito elettromagnetico della terra. Basato su osservazioni fatte con questo apparecchio, riportò che un tipo di risonanza terrestre – coinvolgente l'energia tellurica della terra – potrebbe essere eccitata col trasmettitore d'amplificazione. Egli scoprì che la frequenza di risonanza della terra è di circa 8 Hz. Nel 1950 ricercatori confermarono che la frequenza risonante della cavità ionosferica della terra era in quella portata. Vedi la risonanza Schumann.
In operazione normale l'apparecchio è relativamente silenzioso, generando un campo elettrico di grande potenza, ma se la tensione eccede la tensione progettata per l'anodo, l'apparecchio diventa piuttosto rumoroso.

_________________
Fausto Intilla - www.oloscience.com
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://www.oloscience.com
alessandro albor



Numero di messaggi: 43
Data d'iscrizione: 25.10.09

MessaggioOggetto: Re: La "macchina dei terremoti " di Nikola Tesla   Dom Nov 01, 2009 12:03 pm

Nel 1900 Westinghouse e la "General Electric" avevano il monopolio assoluto dell'erogazione di corrente alternata e si erano notevolmente arricchite con il suo commercio.

Quando Tesla comunicò a Westinghouse l'esito delle ricerche effettuate a Colorado Spring e i suoi progetti per il futuro, l'uomo d'affari vide nello scienziato un pericolo per i suoi affari e gli negò ogni ulteriore finanziamento nell'intento di fermarlo; anzi intraprese una serie di azioni che miravano a denigrarlo davanti all'opinione pubblica in modo che le sue ricerche non fossero finanziate da altri.

In quel tempo Tesla parlò della possibilità di trasmettere calore al Polo Nord, di formare il ghiaccio ai tropici; inviare fotografie e trasmettere musica in ogni angolo della Terra; distribuire elettricità gratuita e illimitata ovunque.

Le sue invenzioni lo rendevano un uomo credibile e pericoloso.

La bobina per produrre correnti ad alto voltaggio e alta frequenza, il trasmettitore d'amplificazione, per generare la risonanza dei campi prodotti con i fulmini con la carica della Terra, il sistema elettrico senza fili, per trasmettere l'energia elettrica, un sistema per sintonizzare su una determinata lunghezza d'onda un ricevitore, erano le invenzioni che permettevano la trasmissione della corrente senza fili.

Tesla aveva scoperto che la Terra rispondeva a vibrazioni elettriche di una determinata velocità e se venivano prodotte onde stazionarie intorno al globo, utilizzando il campo elettrico terrestre, era possibile trasmettere elettricità senza dispersione di energia.
Si potevano già realizzare in quegli anni alcune delle cose in uso oggi come la trasmissione di messaggi segreti di stato; la possibilità di scambiare messaggi fra i cittadini in modo rapido e sicuro; telefonare in ogni luogo e a chiunque, trasmettere le notizie dei quotidiani di tutto il mondo, oltre alla musica, manoscritti, foto, disegni e documenti; sincronizzare gli orologi con precisione astronomica; creare un sistema monitorato di navigazione per determinare le rotte delle navi.

L'unica cosa che ancora oggi non possiamo fare, anche se è stato dimostrato nell'ultimo decennio che sia possibile, è trasmettere energia elettrica in qualunque luogo senza l'uso di fili, ma sappiamo molto bene il perché.

Cosa che Tesla non aveva compreso appieno.

Se avesse lavorato come fece Marconi con i militari e il governo, anziché procedere da solo, oggi sicuramente avremmo un mondo notevolmente diverso.


Nikola però non conosceva i meccanismi del mercato, per questo rifiutò anche l'offerta di acquisto dei Lloyds di Londra per un impianto senza fili da installare su un panfilo.


Da quel momento perse notorietà e divenne per l'opinione pubblica uno scrittore di fantascienza, folle e fuori dal mondo; per questo non viene ricordato neanche oggi per il grande uomo che è stato e per quello che ha fatto.

Gli unici che lo hanno considerato seriamente, per quello che in effetti era, sono stati Samuel Clemens, conosciuto come Mark Twain, e J.P. Morgan.

Il primo, in qualità di amico e appassionato al tema dei suoi esperimenti divenne un assiduo frequentatore del laboratorio di Tesla al 35 di South Fifth Avenue.

Si racconta che ebbe l'occasione di sperimentare anche l'effetto delle vibrazioni meccaniche prodotte da un meccanismo consistente in una piattaforma montata su cuscinetti elastici azionata da aria compressa.
Vibrazioni rivelatesi curative di problemi di digestione e altri disturbi e con le quali Clemens curò la sua stipsi.


Quando l'inventore ancorò il meccanismo ad una colonna di ferro del suo laboratorio, con l'aumento della frequenza raggiunse un livello in grado di far vibrare l'intero edificio con il pericolo di provocare un crollo.
Rinunciò così a procedere oltre.

J.P. Morgan, uomo chiave della creazione della "General Electric", per interesse personale, consapevole che il successo della società si basava sui brevetti di Tesla e che il controllo sui brevetti dava anche il diritto di sopprimerli o nasconderli, interessato ai lavori dello scienziato per motivi economici, offrì 150.000 dollari per il 51% dei brevetti sviluppati sulla nuova tecnologia senza fili e rese pubblico il finanziamento iniziale a difesa dei suoi interessi.

Il 23 luglio del 1901 Tesla, ignaro delle vere intenzioni di Morgan, iniziava a Long Island i lavori per erigere una colossale torre di legno di 60 metri nota col nome di Wardenclyffe, che sosteneva un elettrodo di rame di 35 metri di diametro, idoneo a raccogliere una carica elettrica.

Concepita e costruita come sistema per le telecomunicazioni senza fili, era il mezzo per dimostrare che era possibile distribuire l'energia senza utilizzare i fili e continuare quanto iniziato a Colorado Springs.
Tesla dichiarò di svolgere esperimenti tesi a imbrigliare l'energia dei raggi cosmici e costruire un dispositivo funzionante attraverso l'utilizzo di tale energia.
Aggiunse che i raggi cosmici ionizzano l'aria creando particelle libere come ioni ed elettroni; le cariche vengono catturate in un condensatore che funziona come scarico per il circuito del motore.
Gli esperimenti erano volti ad utilizzare la Terra come conduttore trasformandola in un gigantesco trasmettitore elettrico, aprendo la possibilità di comunicare e trasmettere potenza attraverso la crosta terrestre.

Intendeva concepire una stazione trasmittente in grado d'inserire energia elettromagnetica nella crosta fino a raggiungere la risonanza elettrica della Terra stessa, in modo da utilizzare il pianeta per intercettare energia, usufruendo delle stazioni riceventi dislocate opportunamente sul globo.

Lo scienziato scoprì, trasmettendo frequenze estremamente basse, che poteva alterare le correnti nell'alta atmosfera e modificare il clima.

Inoltre, utilizzando tali onde, si poteva interagire con l'attività bioelettrica del cervello e con la naturale vibrazione delle molecole del corpo, manipolando la biofisica umana.

Presso Colorado Springs aveva concepito un nuovo sistema di esplorazione geofisica utilizzando oscillatori meccanici inventati in precedenza.

Gli esperimenti non furono portati a termine perché si accorse che potevano generare terremoti artificiali di inaudita potenza, modificando le naturali frequenze di cui sono dotati tutti i corpi e
sfruttando quella che chiamò "frequenza risonante", a mezzo della quale un corpo si mette a vibrare fino alla rottura.

Difatti se il trasmettitore avesse inviato una forte energia in un solo punto si sarebbe verificata una distruzione totale.

Morgan, vedendo nel progetto un pericolo futuro per i suoi interessi, negò allo scienziato altro denaro, ma nel frattempo Tesla riuscì ad ottenere 10.000 dollari dal Canada per trasmettere l'energia per quello Stato, costringendo Morgan a dichiarare apertamente che non intendeva finanziare ulteriormente lo scienziato.
Per il mondo, se Morgan non rischiava i capitali, il progetto non era affidabile e tutti si tirarono indietro.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
 

La "macchina dei terremoti " di Nikola Tesla

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 su1

 Argomenti simili

-
» "CRONOLOGIA" DI SATURNO IN BILANCIA
» "Superprobiotici" : DDS-1, Malyoth e LB-51
» La "Famiglia" Baali
» Messaggio "Telefono non valido"
» da "il fatto quotidiano"

Permesso del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Fisica ...tra Scienza e Mistero (Universo,Energia,Mente e Materia) :: -