Fisica ...tra Scienza e Mistero (Universo,Energia,Mente e Materia)

Fisica ...tra Scienza e Mistero (Universo,Energia,Mente e Materia)

Il forum scientifico di Fausto Intilla (Inventore-divulgatore scientifico) - WWW.OLOSCIENCE.COM
 
IndicePortaleFAQCercaRegistrarsiLista utentiGruppiAccedi

Condividere | 
 

 Il Vymanika-Shastra o “Scienza dell’Aeronautica"

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
alessandro albor



Numero di messaggi : 43
Data d'iscrizione : 25.10.09

MessaggioOggetto: Il Vymanika-Shastra o “Scienza dell’Aeronautica"   Gio Nov 05, 2009 7:59 pm

Ritengo la cultura indiana, la madre di tutte le culture planetarie.
Peccato che si non si parli mai, di quanto dobbiamo a loro, sopratutto nella scienza Smile
Il Vymanika-Shastra o “Scienza dell’Aeronautica", anche se pervenuto a noi negli anni '20, è il mio preferito.

विमान = Vimāna

Il Rigveda non menziona i Vimāna, ma nei versi RV 1.164.47-48 si cita:

"Scura la discesa: gli uccelli sono di colore giallo oro, fino al cielo volano vestiti nelle acque.
Ancora una volta si scende dalla sede dell'Ordine, e tutta la terra è inumidita con il loro stato d'ingrassamento.
"Dodici sono i fellies, e la ruota è singola, tre sono le navate.
Quale uomo ha capito?
In esso sono riportati insieme trecentosessantacinque raggi , che in nessun modo possono essere allentate ".
Alcuni appassionati di UFO moderni (come Desmond Leslie, co-autore con George Adamski, nel 1953, di uno dei primi libri sugli UFO diritto dischi volanti "Sono atterrati") hanno sottolineato il Vimana come prova per la civiltà tecnologica avanzata in un lontano passato, o come supporto per le teorie antiche dell'astronauta sulla comparsa dell'uomo sulla terra.

Un simposio sul tema "Scienza e della Tecnologia nell'antica India" è stato organizzato nel dicembre 1990 al BM Birla Science Center di Hyderabad, A.P., India.
Molti dei temi antichi sull'aeronautica indiana sono state discusse.
Un semiconduttore alla ferrite, denominato Chumbaka irradia i segnali a microonde e rileva gli oggetti nascosti.

L'ufologo italiano, Roberto Pinotti ha presentato un documento su 'Aeronautica nell'antica India' nella conferenza spaziale condotta a Bangalore.
Ha detto ai delegati della conferenza,che tali aeromobili erano simili a jet moderni. basati sulla propulsione .
Egli ha convenuto che essi rappresentano il più complesso e sofisticato design fatto sino ad oggi.
Altri, come Dileep Kumar Kanjilal, nel suo libro:

"I Vimana nell'Antica India: aeromobili o macchine volanti nell'Antica India" del 1985, parla della propulsione ionica.

Non dimenticare altresi, che lo stesso Hitler, inviò dei suoi emissari alla ricerca di questa scienza..........

Il resto, è storia piu che risaputa per chi segua queste nozioni.


Ultima modifica di alessandro albor il Gio Nov 05, 2009 8:35 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
pier



Numero di messaggi : 739
Data d'iscrizione : 10.10.07

MessaggioOggetto: Re: Il Vymanika-Shastra o “Scienza dell’Aeronautica"   Gio Nov 05, 2009 9:51 pm

alessandro albor ha scritto:
Ritengo la cultura indiana, la madre di tutte le culture planetarie.
Peccato che si non si parli mai, di quanto dobbiamo a loro, sopratutto nella scienza Smile........
.
Poche settimane fa in un programma televisivo ,forse Voyager, si è parlato delle astronavi Vimana .
Il prof Malanga ha realizzato delle conferenze proprio su questo argomento, vedi la serie di Youtube che sono nel link
http://www.youtube.com/watch?v=ZWTAzFjDbNQ
Se poi volete saperne di più di queste macchine in relazione ai Veda vi rimando al link sottocitato nel quale Manuele che è un ottimo conoscitore della cultura vedica nonchè traduttore dal sanscrito e dall'inglese ci parla di questo affascinante argomento .
http://www.scienzeantiche.it/portal/topic.asp?TOPIC_ID=120&FORUM_ID=2&CAT_ID=1&Forum_Title=News&Topic_Title=VIMANA%3A+le+astronavi+del+passato
Buona visione e buona lettura.
Pier
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
alessandro albor



Numero di messaggi : 43
Data d'iscrizione : 25.10.09

MessaggioOggetto: Re: Il Vymanika-Shastra o “Scienza dell’Aeronautica"   Gio Nov 05, 2009 10:27 pm

Ti ringrazio Pier, cmq sono molto ma molto addentrato sul tema.
L'Astrofisica combinata con l'antica VERA scienza, penso sia INSUPERABILE, imbattibile, inegualiabile.
Il "sistema", ci ha portato o per meglio dire, ci ha costretto a vivere 5000 anni indietro, forse di piu Smile
L'importante è di essere coscienti, o quanto meno, abilitati mentalmente a questa Orribile realtà.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
pier



Numero di messaggi : 739
Data d'iscrizione : 10.10.07

MessaggioOggetto: Usate armi nucleari nella battaglia di Kurukshetra   Ven Nov 06, 2009 10:27 am

alessandro albor ha scritto:
L'importante è di essere coscienti, o quanto meno, abilitati mentalmente a questa Orribile realtà.


Nei veda c’è la chiave per comprendere quella verità anche al livello scientifico che abbiamo dimenticato ad usare . Quella che chiami “Orribile realtà” è in effetti il frutto che deriva da questa dimenticanza .
Magari ne riparleremo in seguito.
Sempre dello stesso autore già citato nel mio precedente intervento allego una sua interessante traduzione con relativo commento.

Usate armi nucleari nella battaglia di Kurukshetra

Nel 3.000 a.C. ebbe luogo un cruenta guerra. La dinastia dei Pandava, affrontava in battaglia la dinastia dei Kuru. Il fronte si trovava in una pianura nel nord dell’India, ancora oggi chiamato Kurukshetra (campo dei Kuru). L’intera storia è narrata nel Mahabharata. Tuttavia -di quella sanguinosa guerra- ne parlano moltissimi altri Purana (libri storici).Facciamo parlare il Bagavata Maha Purana:

Bagavata Maha Purana libro primo 7:18
…Quando il prode Asvathama, l’assassino dei giovani principi, vede da lontano Arjuna che viene dritto su di lui a grande velocità, pazzo di paura fugge sul suo carro nella speranza di salvarsi…

Bagavata Maha Purana libro primo 7:19
Quando vede… che nessun altro mezzo di protezione gli si offre, decide di ricorrere all’arma ultima, la potente arma nucleare detta Brahmastra…

Bagavata Maha Purana libro primo 7:20
Vedendo la sua vita in pericolo… decide di usare l’arma nucleare… sebbene ignori come controllarla…

Bagavata Maha Purana libro primo 7:21
Una luce abbagliante si diffuse allora in tutte le direzioni, così ardente che Arjuna crede che la sua vita sia in pericolo, quindi si rivolge a Krishna…

Bagavata Maha Purana libro primo 7:26
“…Che cos’è questa radiosità temibile che si diffonde ovunque? Da dove viene? Non capico”.

Bagavata Maha Purana libro primo 7:27
Krishna rispose: “Sappi che è opera di Asvathama. Egli si sta servendo del Brahmastra, ma ignora come controllare tale arma. Ha agito per disperazione, nella paura di una morte imminente.

Bagavata Maha Purana libro primo 7:28
Soltanto un’altra arma simile potrà neutralizzarla. O Arjuna, tu sei esperto nell’arte militare, vinci con la tua potentissima arma questa potente radiazione”.

Bagavata Maha Purana libro primo 7:29
Udite quelle parole, Arjuna si prepara, poi lancia il suo Brahmastra, per neutralizzare l’arma nucleare di Asvathama.

Bagavata Maha Purana libro primo 7:30
Quando le radiazioni delle due armi nucleari si fondono, un grande cerchio di fuoco, simile al disco solare, avvolge tutti gli astri del firmamento e gli spazi intersiderali.

Bagavata Maha Purana libro primo 7:31
Nei tre sistemi planetari, tutti cominciano a soffrire terribilmente per il calore prodotto dall’unione delle due armi. Gli abitanti di quei pianeti, spaventati, pensano al fuoco chiamato Samvartaka, il fuoco che distrugge l’universo intero al tempo dell’annientamento.

Bagavata Maha Purana libro primo 7:32
Di fronte allo scompiglio in cui si trova immersa la popolazione di tutto l’universo e la distruzione imminente di tutti i pianeti, Arjuna neutralizza subito l’energia sprigionata dalle due armi nucleari…

Questa storia non ha bisogno di essere commentata, è così chiara che non ha bisogno di spiegazioni.
I tre sistemi planetari, sono, l’inferiore (o pianeti i cui abitanti sono molto primitivi), il mediano (a cui appartiene anche la Terra) e il superiore (o pianeti i cui abitanti sono molto evoluti).


Sebbene le due armi nucleari, fossero state lanciate sulla Terra, le loro radiazioni unite, si diffusero in gran parte dell'universo e gli abitanti dei diversi pianeti cominciarono a sentire così intensamente il calore che ebbero paura di morire. Questo significa che nel nostro universo esistono altri pianeti che come la Terra sono abitati… e che già 5.000 anni fa questo era conosciuto…

Il calore di un arma nucleare “primitiva” è simile all’esplosione di una supernova, che è in grado di distruggere tutto il suo sistema planetario. Paragonata ad un arma nucleare “moderna”, quest’ultima appare insignificante.

Esiste un’altra fondamentale differenza tra l’arma nucleare “antica” e quella “moderna”. Quella antica poteva essere in qualche modo controllata e neutralizzata, mentre quella moderna, una volta lanciata, la distruzione è inevitabile.

Con il programma “scudo stellare”, gli americani hanno provato a mettere in piedi un sistema, di neutralizzazione, in caso di attacco nucleare. Si tratta di lanciare un’altra arma nucleare, in modo che vada a colpire la prima, in modo da neutralizzarla nello spazio, prima che questa raggiunga il suo obbiettivo. Hanno scoperto l’acqua calda… Tecnica gia conosciuta, da quei militari che 5.000 anni fa si sono affrontati a Kurukshetra.

A scuola ci hanno insegnato, che gli uomini vissuti 5.000 anni fa, erano dei primitivi… ma i nostri insegnanti non avevano letto il Mahabharata e tutti gli altri Purana.

Pier

Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
alessandro albor



Numero di messaggi : 43
Data d'iscrizione : 25.10.09

MessaggioOggetto: Re: Il Vymanika-Shastra o “Scienza dell’Aeronautica"   Ven Nov 06, 2009 2:15 pm

pier ha scritto:

A scuola ci hanno insegnato, che gli uomini vissuti 5.000 anni fa, erano dei primitivi… ma i nostri insegnanti non avevano letto il Mahabharata e tutti gli altri Purana.

Pier


Caro amico, è innegabile che sia cosi, ma non in senso assoluto, in quanto tutte, e dico tutte le antiche civiltà, erano molto ma molto piu avanzate di noi.

Quello che ci insegnano a scuola, come hai ben detto, è contorto e tantissime volte anche falso.
Esempio ecclatante, è il caso di G.Galilei, che ci viene posto come il "padre" di tante cose, quando in verità molti secoli prima di lui, altri conoscevano tutto ciò, incominciando da scienziati indiani, ebrei, arabi nonchè meso-americani.
L'occidente si è accaparrato con violenza nonchè con arroganza delle verità altrui, e posso dire con fermezza che, tale occulatamento di sapienza e di verità, è stata fatta apposta per uno scopo ben preciso.........:
il potere

Nonostante il fatto che il Rinascimento europeo è stato preceduto da un revival della tradizione aristotelica - in primo luogo attraverso i commenti penetranti dello spagnolo e filosofo- musulmano Ibn Rushd (Averroè), che ha concluso in base al Corano, che lo studio della logica è un obbligo religioso - la nascita di la scienza moderna è stata caratterizzata, comunque, dal crollo della visione del mondo tolemaico -.
Le teorie ampiamente accettate di Tolomeo, hanno dovuto cedere il passo a nuove teorie basate sulla sperimentazione piuttosto che sull'autorità di Aristotele e Platone.


Questa visione del mondo empirico è stato matematicamente articolato utilizzando la geometria analitica, con la forza che unisce la geometria di Euclide, con l'algebra di Al-Khwarizmi (Iraq, 780-850).

La visione del mondo di Tolomeo, aveva due aspetti principali, uno ottico e un altro cosmologico.
In cosmologia, questo mondo ha elaborato secondo Aristotele, che la Terra fosse al centro dell'universo in un modello completo cosmologico.
Anche se questo difetto non è fatale al modello di Tolomeo, una grande innovazione tecnologica è apparsa verso l’anno 1.608:

L'invenzione del telescopio, un oggetto da spettacolo olandese, ha consentito a Galileo subito dopo, osservare stelle e pianeti diversi con una chiarezza senza precedenti.
Galileo ha constatato che il pianeta Giove, in particolare, aveva diverse lune che orbitano attorno ad esso - in diretta contraddizione con il modello geocentrico di Tolomeo, in cui tutti i corpi celesti sono in orbita intorno alla Terra.

Nonostante provato dall'Inquisizione e dalle persecuzioni successive di Galileo, il modello di Tolomeo è stato poi sostituito dal modello eliocentrico di Keplero, in cui la Terra orbita ellitticamente intorno al sole.
Nel campo dell'ottica, d'altra parte, Tolomeo non correttamente ha spiegato il fenomeno della visione secondo secondo la teoria del "raggio visivo",la cui origine risale a Platone.

Secondo la teoria dei raggi visivi,nota come la teoria di emissione della visione, l'occhio emmetteva dei raggi che viaggiavano attraverso l'aria per il rilevamento dei vari oggetti.
Questi raggi, poi trasportati indietro, erano per l'occhio una rappresentazione visiva degli oggetti visualizzati. Del Raggio visivo di Tolomeo è stato detto, di essere come un uomo dal " bastone cieco."

Notevolmente, a cavallo del primo millennio, un importante passo avanti tecnologico sotto forma di un esperimento, fatto dal fisico arabo Ibn Haitham, portò al successo di spiegare che la visione è solo in termini della luce viaggiante nell'occhio.


Usare la fotocamera a foro stenopeico (il principio alla base della moderna fotografia) che Ibn Haitham ha creato, ha sperimentalmente dimostrato come la luce riflessa dagli oggetti illuminati da fasci di luce,di proiettare un punto-punto per l'immagine della scena visiva nell'occhio

Non solo il lavoro di Ibn Haitham di screditare la teoria di Tolomeo era errata, ma ha anche ha stabilito degli esperimenti, come la norma di prova in ottica e, più in generale, nel campo della fisica.

Mentre, nel campo dell'ottica, lo studio delle proprietà di combustione delle lenti è cominciato poco prima di Ibn Haitham, lo studio delle loro proprietà visive e d’ingrandimento è stato effettivamente lanciato con il suo saggio intitolato:

"Kitab Al-Manazir o Book of Optics”.

Questo ha sostenuto il mestierante dello spettacolo olandese che, tenendo una lente di fronte a un altra, ha poi inventato il cannocchiale - che consente a Galileo di contestare scientificamente Tolomeo e l'Inquisizione.


Nel suo articolo "La spada di Maometto", l’attivista per la pace ebraica Uri Avnery ha recentemente scritto:

"La storia di 'diffondere la fede con la spada' è una leggenda del male, uno dei miti che sono cresciuti in Europa durante le grandi guerre contro i musulmani. Dal momento che i cristiani hanno riconosciuto lo stesso status con l'Islam in quanto ebrei, potrebbe essere illuminante per chiedere se le minoranze ebraiche sono state costrette sotto il dominio musulmano di cambiare la loro religione.”


La stessa domanda può essere messa in modo diverso:
quello che è equivalente dell'Islam dell'Inquisizione?


Non vi è alcuna prova di qualsiasi tentativo di imporre l'Islam sugli ebrei", dice Avnery, che poi aggiunge:

"Come è noto, gli ebrei di Spagna godevano di un fiore simile, di cui gli ebrei non godevano altrove fino a quasi il nostro tempo. .I musulmani ed ebrei in Spagna sono stati i ministri, i poeti, gli scienziati ".

Avnery continua a concludere:

" E 'stata, infatti, l'Età d'Oro. “

Infatti, molte delle opere del poeta e medico arabo Ibn Rushd (Spagna, 1126 -1.198) solo è sopravvissuto grazie alle loro traduzioni in ebraico o latine, grazie ai suoi studenti ebrei e cristiani nella Spagna musulmana, e in seguito in tutta Europa.


Ad esempio, il suo commento influente sulla Repubblica di Platone è stato solo di recente tradotto dall'ebraico, ed oggi torna al suo originale arabo.

La questione cruciale, in quanto posto dalla Avnery, per quanto riguarda l'età antica sulla partecipazione delle minoranze religiose musulmane scientificche, culturali e persino nella vita politica, è:

"Come sarebbe stato possibile questo, se il Profeta aveva decretato la 'diffusione della fede da parte della spada'?"

Come un vero e proprio sostenitore del dialogo, spesso sfuggente delle religioni e delle culture, Papa G.Paolo II una volta ha osservato:

" Il conflitto si manifesta solo quando l'islam o il cristianesimo è travisato o manipolato per fini politici o ideologici.”

"Questa intuizione - la maggior parte applicabile alla crisi attuale - rispecchia perfettamente quello di Edward Said, ossia, dissipare il mito dello scontro delle civiltà come uno scontro di semplice ignoranza."


" E 'stata, infatti, l'Età d'Oro. “ :

Sai quante Età d'Oro son state "costrette" a diventare età della "pietra" , per i medesimi motivi?

Oggi, almeno per la gente "semplice e modesta", la barriera di quella che personalmente chiamo "il muro della menzogna e della incultura", è stata grazie al cielo infranta con la sapienza globale, quale è Internet.

Esempi del tipo Galileo, ne potrei descrivere a migliaia di migliaia...., e di libri non solo pervenuti a noi tramite la convenzionale scrittura, ce ne sono a milioni, da est a ovest, da nord a sud, l'importante è riconoscerli come tali, approffondirli e rimetterli in atto come concetti piu che universali è il nostro compito per far si che l'oscurantismo mediatico, il quale ha permeato la nostra mente nonchè la razionalità per millenni, venga definitivamente abbattuto.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: Il Vymanika-Shastra o “Scienza dell’Aeronautica"   Oggi a 6:35 pm

Tornare in alto Andare in basso
 
Il Vymanika-Shastra o “Scienza dell’Aeronautica"
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» CERCO LIBRI STORIA DELLA SCIENZA
» storia della scienza
» esame storia della scienza
» CONVEGNO INTERNAZIONALE ERICKSON "La Qualità dell'integrazione scolastica e sociale"
» STORIA DELLA SCIENZA PROF. DE CEGLIA

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Fisica ...tra Scienza e Mistero (Universo,Energia,Mente e Materia) :: Discipline Vediche e Spiritualità-
Andare verso: