Fisica ...tra Scienza e Mistero (Universo,Energia,Mente e Materia)

Fisica ...tra Scienza e Mistero (Universo,Energia,Mente e Materia)

Il forum scientifico di Fausto Intilla (Inventore-divulgatore scientifico) - WWW.OLOSCIENCE.COM
 
IndicePortaleFAQCercaRegistrarsiLista utentiGruppiAccedi

Condividere | 
 

 Piccole nozioni sull'astrofisica

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
alessandro albor



Numero di messaggi : 43
Data d'iscrizione : 25.10.09

MessaggioOggetto: Piccole nozioni sull'astrofisica   Ven Nov 06, 2009 4:17 pm

Qual è il baricentro?

Senza dubbio avete sentito dire che la Terra gira intorno al sole.


Beh, in realtà, non è vero!

Avete mai sentito il termine "centro di gravità"?


E 'il centro esatto di tutto il materiale (che ha una massa) che costituisce l'oggetto.

Ad esempio, se si dispone di un bastone dritto, come un righello o metro, c'è un posto al centro dove è possibile l'equilibrio su un dito.

Questo è il suo centro di gravità.

Ma il centro di gravità può o non può essere il punto che è esattamente nel mezzo, la distanza-raggio, dell'oggetto.


Alcune parti dell'oggetto possono essere più pesanti (più dense) di altre.

Nel caso della Terra e il sole, due organismi che ruotano in realtà, intorno al centro della massa (simile al centro di gravità) tra di loro.


Questo punto è chiamato il baricentro.

La terra e il sole sono "collegati" con la gravità, riunendoli.

Rispetto alle dimensioni del Sole, la Terra è di circa come una pulce su un gatto! Così il centro di gravità tra la Terra e il Sole è quasi - ma non del tutto - al centro del sole.

Nel caso di un pianeta delle dimensioni di Giove, che è 318 volte la massa della Terra, il baricentro di Giove e il Sole è un po 'più lontano dal centro del sole.


Così, come Giove gira intorno al sole, il sole stesso in realtà, ambi due ruotano attorno a questo un po fuori dal punto centrale, e si trova appena fuori la sua superficie.

Così, un pianeta delle dimensioni di Giove farà vedere il sole (o qualsiasi altra stella) sembrare di oscillare.

Che cosa è il raggio Roche?

Limite di Roche e il raggio di Roche, è la distanza da un pianeta all'interno del quale un satellite sarà lacerato dalle forze di marea.

Ad esempio, considerare gli anelli di Saturno.


Tutti i sistemi ad anello all'interno del limite di Roche, che è la distanza da un pianeta in cui forza di marea del pianeta ha su di un satellite (forza che si estende a parte) è uguale al satellite-gravità (la forza che li tiene insieme).

Satelliti più vicini allimite di Roche avrà un'esperienza più forte dellaforza di marea, e dato che l'auto-gravità è la stessa a prescindere dalla distanza dal pianeta, la forza delle maree dominerà, e mantendrà un oggetto a formare, o rompere una già formata con l'oggetto insieme a sé:

la gravità in frammenti.

Limite di Roche, se sia il pianeta e satelliti che hanno la stessa densità, è di 2,45 raggi planetari.

Il confronto è con la forza di auto-gravità, a tenere insieme il satellite.

Le pietre più piccole sono tenute insieme da forze cristalline nel solido. Tali forze sono di gran lunga più forte del' auto-gravità, e che impediscono loro di essere rotte.

L'espressione convenzionale del limite di Roche è che un non-satellite coeso si spezzerà tale marea se il centro dell'inter-asse è inferiore a circa 2,45 raggi primari, e l'errore abituale è di dimenticare il rapporto densità-dipendenza di X.

Che cosa è l'Angular Momentum?


Il momento angolare misura la tendenza di un oggetto di continuare a girare.

Angular Momentum = massa x velocità x distanza (dal punto oggetto se è in rotazione o attorno ad un'orbita)

Per descrivere come le cose si muovono spesso utilizziamo i quantitativi di base di lunghezza, di massa, e il tempo.


Quantitativi, come velocità, accelerazione, forza ed energia sono quelli che ci aiutano a capire come la posizione di un oggetto può cambiare nel tempo e come si interagisce con le altre cose nell'universo.

Lo slancio e il suo momento angolare, sono altri quantitativi molto importanti.

Ordinarie (o lineare) di moto è una misura della tendenza di un oggetto a muoversi a velocità costante lungo un percorso rettilineo.


Il momentum dipende dalla velocità e dalla massa.

Un treno in corsa a 20 k/h ha più slancio di un ciclista che si sposta alla stessa velocità.

Una macchina in collisione a 5 k/h provoca più danni di quella stessa auto in collisione a 60 h/h.

Per le cose che si spostano in linee rette di moto è semplicemente la massa x velocità.


In astronomia maggior parte delle cose si muovono in percorsi di curve in modo da generalizzare l'idea della quantità di moto e hanno un momento angolare.

Il momento angolare misura la tendenza di un oggetto di continuare a girare. Un "oggetto" può essere un corpo unico o due o più organismi che agiscono insieme come un unico gruppo.

Molto spesso in astronomia, l'oggetto (o gruppo di oggetti) che stiamo osservando non ha le forze esterne che agiscono su di esso in un modo di produrre una coppia, che avrebbe turbato il movimento angolare dell'oggetto (o gruppo di oggetti).


Una coppia è semplicemente una forza che agisce lungo una linea che è fuori asse dell'oggetto che gira.

In questi casi, abbiamo la conservazione del momento angolare.

La conservazione del momento angolare --- l'importo totale del momento angolare non cambia con il tempo, non importa come gli oggetti interagiscono l'uno con l'altro.

La velocità di un pianeta e la distanza dal Sole cambierà, ma la combinazione di velocità x la distanza non cambierà a meno che un altro pianeta o una stella, passando vicino e fornisce una forza Extra Gravitazionale.



Le macchie solari

Il periodo di rivoluzione di Giove è 11.861773 anni terrestri.


Il ciclo medio delle macchie solari è dato a 11.120412 anni.

Nel corso di un ciclo, le zone in cui si verificano, i punti iniziano ad alte latitudini e finiscono a basse latitudini.

I campi magnetici delle macchie si dice essere invertita ad ogni ciclo.

I cicli sono irregolari per l'abbondanza di macchie, nella durata, e talvolta in una sequenza di cicli scompaiono del tutto.

A volte la fase di un ciclo è spostato dalla fine di un ciclo e l'inizio di quella successivo.

Tuttavia, essi tendono a progredire gradualmente in intensità e durata, e quindi avviare una nuova progressione. Ci sono prove abbondanti che le variazioni nel tempo, e in fenomeni come le aurore e la trasmissione radio, sono correlati con l'attività delle macchie solari.

C'è qualche motivo di ritenere che l'attività elettrica del cervello umano può essere modulata da attività delle macchie solari.

Può essere che i fenomeni terrestri non sono tanto influenzati da macchie solari stesse, come da altri tipi di attività solare associata a cicli delle macchie solari.

Tuttavia, le osservazioni delle macchie solari sono stati registrati in modo più approfondito, e fin dai tempi antichi, fenomeni come i brillamenti solari, e sono quindi disponibili per gli studi di correlazione.

Il rapporto tra il periodo di rivoluzione di Giove intorno al Sole alla lunghezza del ciclo di attività delle macchie solari è suggestiva.

11.861773 / 11.120412 = 1.066667

Confronta questo numero con il baricentro Sole-Giove, distanza dal centro del Sole, vale a dire 1,068 raggi solari.

Le turbolenze che emergono sulla superficie del Sole, come le macchie, essendo strettamente legate al periodo di Giove, deve il modulo in fondo della zona di rotazione di Giove attorno al sole.


Questo sarebbe ad una distanza dall'asse di 0,586 parti il raggio solare, la distanza del baricentro di Saturno.

Il cilindro di raggio che interseca la superficie del Sole a 35,9 gradi, il che accade solo per essere la latitudine Nord e del Sud, in cui le macchie solari siano prima ad apparire all'inizio di ogni ciclo.

Tuttavia, la spaziatura dei punti non è una funzione della velocità della rotazione angolare, ma dal trasporto del centro del Sole, e quindi anche il Sole nel suo complesso, attraverso lo spazio inerziale.

Il centro del Sole è a 1,068 raggi solari dal baricentro Giove-Sole, e, pertanto, deve viaggiare attraverso lo spazio inerziale 1,068 volte più veloce di quanto sarebbe se il baricentro fosse sulla superficie solare.


Il Sole nel suo complesso deve viaggiare attraverso lo spazio inerziale alla stessa velocità.

Ciò ridurrebbe il ciclo delle macchie solari da 11.861773 anni a 11.120412 anni.

La variabilità del ciclo delle macchie solari può essere attribuita agli effetti aggiuntivi degli altri pianeti, e per la modifica della allineamenti planetari di continuo.

L'asse del Sole è inclinato di 7,25 gradi rispetto alla normale del piano dell'orbita terrestre.


Nella rivoluzione di 11.861773 anni del baricentro Giove-Sole intorno al Sole, la posizione relativa dei piani inclinati del sole, assomigliano agli equinozi e solstizi sulla Terra.

A causa della grande massa del Sole, la giroscopica forzatura prodotta da Giove non causa laa precessione rapidamente, ma poò fornire l'energia per creare i vortici che appaiono sulla superficie del Sole, come macchie e bengala.

La forza minore precessionale sarebbe gli "equinozi solari, e una maggiore solstizi "solari".

Ci sarebbe una tendenza per il cilindro rotante fatto a forma di "maniche" del sole, di allinearsi con l'asse comune delle orbite planetarie, che creerebbe confusione a capire come il sole tende a mantenere le maniche concentriche con il proprio asse.


Tuttavia, il problema potrebbe probabilmente essere risolto in un computer, proiettando migliaia di anni nel passato e nel futuro.

Le maniche rotanti di forma cilindrica potrebbero essere sottoposte a pressioni di grandi dimensioni all'interno del Sole, ma la loro intersezione con la superficie, la pressione sarebbe ridotta, e la forza centrifuga che tende a renderli ad espandersi.


Questa espansione non poteva essere verso i poli del Sole, e quindi dovrebbe essere verso l'equatore.

Il modello della circolazione indotta dalle espansioni di nove maniche, ognuna tende a seguire i movimenti del suo baricentro con il pianeta associato, sarebbe complesso, ma la tendenza generale dovrebbe essere verso l'equatore.

Questo può spiegare la deriva progressiva dell'attività delle macchie solari verso l'equatore, nel corso di ogni ciclo.

Il calcolo del cambiamento dei baricentri nel sole, presenta lo stesso problema, e per le stesse ragioni, come i calcoli di qualsiasi sistema gravitazionale multibody.


Fino ad ora, non vi è stata alcuna soluzione matematica generale.

Eppure, la natura trova le soluzioni.

Ci sono occasionalmente, tre sistemi di stelle tra le milioni di stelle binarie.

Il sistema solare in una soluzione multi-organo che deve essere stata ripetuta migliaia di miliardi di volte l'universo.

La soluzione del problema Multi Corpo gravitazionale.

Ci sono due classi di problemi multibody gravitazionali.

Il sistema solare è tipico di una classe, e il cluster globulare di Hercules è tipica degli altri.

Una soluzione generale per tutti i membri della prima classe, in cui tutte le orbite sono limitate al piano approssimativo o l'equatore di un corpo piuttosto massiccio dominante, e in cui ci sono tre più organismi.

Il rapporto armonico di ogni coppia adiacente, di corpi minori è specificato, non vi è una ed una sola soluzione per ogni sistema.
I piani orbitali molto inclinati sono esclusi dalla soluzione, e sono probabilmente impossibili per le ragioni che avrebbero presto ad essere costretti in un allineamento con il piano equatoriale.

Le armoniche a basso numero intero corrispondono agli stati di energia più bassi del sistema, ma il più bassi, sono vietati dall'allineamento ripetitivo di forze di marea in una sola direzione.

Vi è una e una sola soluzione che può essere dimostrata da una semplice considerazione del sistema solare.


Come indicato in precedenza nella sezione "Angular Momentum", il momento angolare del sistema è prevalentemente concentrata nei pianeti.

Anche se l'espansione delle orbite riduce sia il tasso di rotazione che il momento angolare del corpo centrale, si arriva a un punto in cui non c'è piu momento angolare nel corpo centrale, e che l'importo necessario per mantenere la sua velocità angolare di rotazione, è pari al doppio la somma delle velocità angolari di rivoluzione dei pianeti.

Allo stesso tempo, non c'è nulla per fermare l'espansione delle orbite, fino a che quel punto è raggiunto.

L'ammasso globulare di stelle è governata da un meccanismo diverso.


Il cluster Hercules è descritto da Robert Burnham, Jr., nel suo "Celestial Handbook", Vol. II (Dover, 1978).

Anche se in un telescopio i cluster sembrano essere pieno di stelle, egli descrive un modello in cui un milione di granelli di sabbia sono distribuiti in un volume sferico di circa 300 miglia di diametro.

Ogni grano sarebbe 0,03 pollici di diametro, e separato dal grano più prossimo da una distanza di tre miglia.

La dinamica del cluster potrebbe essere definita dal moto casuale delle singole stelle, impedito di uscire dal campo gravitazionale del cluster.

Le collisioni sarebbero estremamente lontani nel tempo.

Qual è legge di Bode Tito ?

La legge di Bode-Tito è una regola empirica approssimativa, sull'indicazione delle distanze dei pianeti dal sole.

E 'stato annunciato nel 1766 dall'astronomo tedesco Johann Daniel Tizio e solo popolare, dal 1772, dal suo connazionale Johann Elert Bode.


La regola può essere data come segue:

Scrivere la sequenza di 0, 3, 6, 12, 24, ecc

Per ogni numero di aggiungere 4.

Dividete ciascun risultato per 10.

Dalle prime sette risposte (0.4, 0.7, 1.0, 1.6, 2.8, 5.2, 10.0), sei vicino a ravvicinare le distanze dal Sole, in unità astronomiche (UA, la distanza tra la Terra e il Sole), dei sei pianeti noti quando Tizio ha ideato la regola:

Mercurio, Venere, Terra, Marte, Giove e Saturno.

A circa 2,8 UA dal Sole, tra Marte e Giove, gli asteroidi (a volte chiamati pianeti minori) sono stati successivamente scoperti.


La regola vale anche per il settimo pianeta, Urano, che si trova a circa 19 UA.

La legge di Bode non riesce per l'ottavo pianeta, Nettuno.

Tuttavia, Plutone / Caronte, il nono pianeta dal Sole, si trova ad una distanza (39 dell'UA) all'incirca pari a quello dato dalla regola per l'ottavo pianeta!

Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
 
Piccole nozioni sull'astrofisica
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» gonfiore delle piccole labbra
» "AUTISMI". Titolo del mio nuovo libro sull'autismo
» trasporto/stoccaggio piccole quantità di neon
» Racconti E Storie per l'anima sull'educazione
» Dubbi sull'orario dell'insegnante di sostegno

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Fisica ...tra Scienza e Mistero (Universo,Energia,Mente e Materia) :: Astrofisica e Astronomia-
Andare verso: