Fisica ...tra Scienza e Mistero (Universo,Energia,Mente e Materia)

Fisica ...tra Scienza e Mistero (Universo,Energia,Mente e Materia)

Il forum scientifico di Fausto Intilla (Inventore-divulgatore scientifico) - WWW.OLOSCIENCE.COM
 
IndicePortaleFAQCercaRegistrarsiLista utentiGruppiAccedi

Condividere | 
 

 I satelliti sconosciuti dei pianeti

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
alessandro albor



Numero di messaggi : 43
Data d'iscrizione : 25.10.09

MessaggioOggetto: I satelliti sconosciuti dei pianeti   Mer Nov 25, 2009 6:51 pm

Nel 1672, Giovanni Domenico Cassini, uno dei più eminenti astronomi del suo tempo, notò un piccolo “compagno” di Venere.
Cassini ha deciso di non annunciare la sua osservazione, ma 14 anni più tardi, nel 1686, vide l'oggetto ancora una volta, e poi lo scrisse nel suo diario.
L'oggetto è stato stimato di avere circa 1 / 4 del diametro di Venere, e mostrava la stessa fase come Venere.

Più tardi, l'oggetto è stato visto anche da altri astronomi:
da James Short nel 1740, Andreas Mayer nel 1759, e da JL Lagrange nel 1761 (Lagrange aveva annunciato che il piano orbitale del satellite era perpendicolare al piano dell'eclittica).


Nel 1761, l'oggetto è stato visto per un totale di 18 volte da cinque osservatori.
Le osservazioni di Scheuten del 6 giugno 1761 sono state particolarmente interessanti:

vide Venere in transito sul disco solare, accompagnato da una macchia scura più piccola su un lato, che ha seguito contemporaneamente la sua con Venere in transito.

Nel 1764 vi sono state 8 osservazioni da parte di altri due osservatori.

Allora il mondo astronomico si trovava di fronte ad una polemica:
alcuni osservatori hanno riferito di aver visto il satellite, mentre molti altri non erano riusciti a trovarlo, nonostante gli sforzi molto determinati.


Nel 1766, il direttore dell'Osservatorio di Vienna, il padre Hell (inferno) , aveva pubblicato un trattato in cui ha dichiarato che tutte le osservazioni del satellite erano stati dei semplici effetti ottici - l'immagine di Venere è così intensa che si riflette negli occhi, torna nel telescopio, creando un'immagine secondaria ad una scala più piccola.

Altri trattati invece, dichiaravano che le osservazioni erano reali.
JH Lambert in Germania, aveva pubblicato gli elementi orbitali del satellite nel “Astronomischer Berliner Jahrbuch” del 1777:

La distanza media di 66,5 raggi di Venere, il periodo orbitale di 11 giorni 3 ore, l'inclinazione dell'eclittica a 64 gradi”.

Nel 1768 ci fu un'altra osservazione del satellite, fatta da Christian Horrebow a Copenaghen.
Ci sono state anche tre ricerche, quella fatta da uno dei più grandi astronomi di tutti i tempi, William Herschel - tutti e tre di essi non riuscirono a trovare il satellite.
F. Schorr in Germania,ha cercato di fare uno studio per il nuovo satellite, in un libro pubblicato nel 1875.
Nel 1884, M. Hozeau, ex direttore dell'Osservatorio Reale di Bruxelles, ha suggerito una ipotesi diversa.

Attraverso l'analisi delle osservazioni disponibili, Hozeau ha concluso che la luna di Venere appare vicino a Venere circa ogni 2,96 anni o 1.080 giorni.
Hozeau aveva suggerito che non era una luna di Venere, ma un pianeta a sé stante, in orbita intorno al sole una volta ogni 283 giorni, e quindi d’essere in congiunzione con Venere una volta ogni 1.080 giorni
.

Hozeau le dette il nome di “ Neith “,la misteriosa dea dell’antico Egitto.
Nel 1887, tre anni dopo che la luna "di Venere" era stata ripresa da Hozeau, l’Academy of Sciences del Belgio, ha pubblicato un lungo articolo, in cui ogni osservazione riportata è stata studiata in dettaglio:

Diverse osservazioni del satellite erano veramente delle stelle viste in prossimità di Venere”.

Cosi, tutte le osservazioni fatte da Le Verrier e Montaigne potrebbero essere allo stesso modo spiegate.
L'osservazione all'ultimo, fatta da Horrebow nel 1768, potrebbe essere stata attribuita a Theta Librae.

Dopo che questo studio è stato pubblicato, solo una osservazione è stata segnalata:
il 13 agosto del 1892, E.Barnard aveva registrato un oggetto di magnitudine 7 vicino a Venere.

Un esempio eccezionale, visto l’incredibile coincidenza fatta tra il “mito e la leggenda” e la realtà: le lune di Marte.

Il primo a indovinare che Marte aveva delle proprie lune, fu Johannes Kepler nel 1610.
Quando si tentava di risolvere l’anagramma di Galileo riferendosi agli anelli di Saturno, invece Keplero pensava che Galileo aveva trovato lune di Marte.
Nel 1643, il frate cappuccino Anton Maria Shyrl ha affermato di aver visto davvero le lune di Marte.

Ora sappiamo, o meglio, ci dicono, che sarebbe impossibile con i telescopi del tempo - probabilmente Shyrl era stato ingannato da una stella vicina Marte.?

Nel 1727, Jonathan Swift nel suo " Viaggi di Gulliver ", ha scritto su due piccole lune in orbita intorno a Marte, noto agli astronomi come Laputiane.
I loro periodi di rivoluzione erano rispettivamente di 10 e 21,5 ore.

Queste 2 'lune' nel 1750 sono state adottate da Voltaire nel suo romanzo "Micromegas", la storia di un gigante proveniente da Sirio,d’aver visitato il nostro sistema solare.

Nel 1747 un capitano tedesco, Kindermann, aveva affermato di aver visto la luna (una sola) di Marte, il 10 luglio 1744.
Kindermann aveva segnalato il periodo orbitale di questa luna marziana in 59 ore e 50 minuti e 6 secondi .
Nel 1877, Asaph Hall, ha finalmente scoperto Phobos e Deimos, le due piccole lune di Marte.

I loro periodi orbitali sono 7 ore e 39 minuti e 30 ore e 18 minuti, molto vicino ai periodi indovinati da Jonathan Swift 150 anni prima!

La 14ma luna di Giove?
Nel 1975, Charles Kowal a M.Palomar (scopritore della cometa 95 P / Chiron), aveva fotografato un oggetto pensato per essere un nuovo satellite di Giove.
E 'stato visto più volte, ma non sufficientemente a determinare un’orbita, poi perso.
E poi nel 2000 fu ritrovata da S. Sheppard……….

Comunque, anche la nostra amata Terra ha altri “satelliti minori”, cosa che quasi nessuno sa:

Nel 1997, un astronomo di nome Paul Wiegert, scopri che l’asteroide 3753 Cruithne ha una stravagante orbita, con la quale, può essere considerato come un compagno della Terra oltre che alla Luna,anche se non orbita intorno alla Terra direttamente con i moti classificati come orbitali, ma a forma di spirale, cosi come l’asteroide scoperto nel 2002, denominato 2002 AA29.

Noi ancora non sappiamo ciò che hanno visto.
Era stato un asteroide che non era stato ancora tracciato?
O era una Nova che a nessun altro è capitato di vedere?
Oggi, nel XXI secolo alcuni astronomi ed astrofisici, molto ma molto appassionati, tutt’ora sono alla ricerca di
NEITH “.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
 
I satelliti sconosciuti dei pianeti
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Universo, Pianeti, Stelle: classe V - scuola primaria
» INFLUENZA DEI PIANETI IN TRANSITO
» Filastrocche e altre idee didattiche per: giorni, mesi, stagioni
» i figli ... questi sconosciuti
» I PIANETI NELLE DODICI CASE ASTROLOGICHE

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Fisica ...tra Scienza e Mistero (Universo,Energia,Mente e Materia) :: Astrofisica e Astronomia-
Andare verso: