Fisica ...tra Scienza e Mistero (Universo,Energia,Mente e Materia)

Fisica ...tra Scienza e Mistero (Universo,Energia,Mente e Materia)

Il forum scientifico di Fausto Intilla (Inventore-divulgatore scientifico) - WWW.OLOSCIENCE.COM
 
IndicePortaleFAQCercaRegistrarsiLista utentiGruppiAccedi

Condividere | 
 

 Indovinate l'ultima sui Buchi Neri:1 UNICO buco nero supermassiccio centrale.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
alessandro albor



Numero di messaggi : 43
Data d'iscrizione : 25.10.09

MessaggioOggetto: Indovinate l'ultima sui Buchi Neri:1 UNICO buco nero supermassiccio centrale.   Sab Nov 28, 2009 7:31 pm

Una nuova drammatica vista del centro della Via Lattea fatta dal Chandra X-ray Observatory, espone i nuovi livelli di complessità e intrighi nel centro galattico.

Il mosaico dei 88 puntamenti fatti sin ora dal satellite Chandra. rappresenta un freeze-frame dello spettacolo dell’ evoluzione stellare, dalle stelle brillanti giovani, dai buchi neri, in un ambiente ostile e superaffollato, è dominato da un UNICO buco nero supermassiccio centrale.

Chi permea la regione, è una nebbia diffusa di luce di raggi X a partire dal gas che è stato riscaldato a milioni di gradi dal vento sulle massicce stelle giovani - che si sembrano formare più spesso che altrove nella Galassia - esplosioni di stelle morenti, e in uscita potenziati dal buco nero supermassiccio - noto come Sagittarius A.

I dati ricevuti dal Chandra X e altri telescopi a raggi X, suggeriscono che i raggi giganti che fuoriescono da questo buco nero, il fenomeno si sia verificato circa 50/300 anni prima.

L'area intorno a Sgr A , contiene anche diversi misteriosi filamenti di raggi X.

Alcune di questi, probabilmente rappresentano enormi strutture magnetiche che fanno interagire con i flussi di elettroni ad alta energia prodotta da stelle di neutroni in rapida rotazione o forse da un analogo brillamento solare gigantesco.

Sparsi in tutta la regione sono migliaia di punti, come sorgenti di raggi X.

Questi sono prodotti da stelle di alimentazione normale di materiale, denso con resti di stelle che hanno raggiunto la fine del loro percorso evolutivo - nane bianche, stelle di neutroni e buchi neri.

Perché i raggi X penetrano il gas e la polvere che blocca la luce ottica proveniente dal centro della galassia, Chandra è un potente strumento per studiare il Centro Galattico.

I primi grandi buchi neri nell'universo, probabile che si siano formati dentro giganteschi bozzoli stellari, che soffocavano i loro potenti raggi X ,e ha impedito che i gas che lo circondano di essere spazzati via.

Il processo di formazione ha coinvolto due fasi, i predecessori alla formazione di buchi neri, sono oggetti chiamati stelle supermassiccie, probabilmente iniziate a formarsi entro le prime “poche centinaia di milioni di anni”.

Una stella supermassiccia poi sarebbe cresciuta a una dimensione enorme - decine di milioni di volte la massa del nostro sole - e sarebbe stato di breve durata, con il suo nucleo in collasso solo in pochi milioni di anni !.

Il bruciare dell’ idrogeno nelle stelle supermassive, avrebbe dovuto essere stato stabilizzato dalla loro propria rotazione o di qualche altra forma di energia, come i campi magnetici o la turbolenza, al fine di facilitare la crescita rapida dei buchi neri al loro centro.

Cosa c'è di nuovo:

ecco pensiamo di aver trovato un nuovo meccanismo per la formazione di queste stelle giganti supermassicce, che ci dà un nuovo modo di comprendere quanto i grande buchi neri possono essersi stati formati, relativamente velocemente.

Il requisito principale per la formazione delle stelle supermassiccie, è l'accumulo di materia a un ritmo di circa una massa solare all'anno.

A causa della enorme quantità di materia consumata dalle stelle supermassiccie, i semi successivi dei buchi neri che formano nel loro centro, possono avere iniziato molto più grandi dei buchi neri - che sono solo una massa da soli come la nostra Terra - e, successivamente, sono cresciute molto più velocemente .

Dopo che il seme dei buchi neri è formato, il processo è entrato nella sua seconda fase, lo “stadio Quasistar ".

In questa fase, i buchi neri sono cresciuti rapidamente da inghiottire la materia dalla busta gonfia di gas che li circonda, e che alla fine gonfiati, ad una dimensione grande come il sistema solare terrestre e allo stesso tempo raffreddati.

Una volta raffreddati, i quasistars passato un certo punto, hanno iniziato le radiazioni per sfuggire a un ritmo elevato, che ha causato la busta di gas per disperderesi e lasciato i buchi neri fino a 10.000 o più volte la massa del sole della Terra !.

Con un inizio così grande, essi avrebbero potuto diventare un buco nero supermassiccio di milioni o miliardi di volte la massa del sole e inghiottendo i gas circostanti le galassie o la fusione con altri buchi neri in caso di collisioni galattiche estremamente violenti.

La fase Quasistar, è stato analizzato in un saggio pubblicato da Begelman nel 2008 in collaborazione con Phil Armitage e Elena Rossi.

Fino a poco tempo, il pensiero di molti è che i buchi neri supermassicci hanno iniziato la propria esistenza, dalla fusione di numerosi piccoli buchi neri nell'universo.Questo nuovo modello di sviluppo del buco nero,indica senza ombra di dubbio,un possibile percorso alternativo per la loro formazione.

I buchi neri sono oggetti celesti estremamente densi, e si credeva di essere formato dal collasso di stelle e che hanno un forte campo gravitazionale che nulla, nemmeno la luce, può sfuggire.

Mentre i buchi neri non sono direttamente rilevabili dagli astronomi, il movimento vorticoso della materia stellare attorno a loro e potenti getti di gas esplosivi verso l'esterno fornisce prova della loro esistenza.

Ordinariamente i buchi neri, si pensa che siano i resti di stelle un po più grandi del nostro sole, e che il loro combustibile si è esaurito ed è morto.

I buchi neri supermassicci, creato all'inizio della storia dell'universo, può avere continuato a produrre il fenomeno dei quasar - molto luminosi, centri energetici di galassie lontane, che può essere un trilione di volte più luminoso del nostro sole.

Ci sono anche prove del fatto che, un buco nero supermassiccio, abita al centro di ogni galassia massiccia di oggi, compresa la nostra Via Lattea.

I grandi buchi neri formati tramite queste stelle supermassive, avrebbe potuto avere un enorme impatto sulla evoluzione dell'universo, compresa la formazione delle galassie.

Begelman sta collaborando con l’astrofisico Marta Volonteri dell'Università del Michigan, paragonando la possibile formazione di buchi neri supermassicci dalle stelle e quasistars, contro la loro creazione dalla fusione ordinaria dei buchi neri lasciati dal crollo delle prime stelle dell'universo.


Gli scienziati possono essere in grado di utilizzare il James Webb Space Telescope, in programma per il lancio nel 2013, a guardare indietro nel tempo a caccia del " seme dei buchi neri “, come le stelle supermassiccie che sono vicino ai confini dell'universo primordiale, le quali, risplendono nel vicino infrarosso dello spettro elettromagnetico
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
 
Indovinate l'ultima sui Buchi Neri:1 UNICO buco nero supermassiccio centrale.
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Stelle Costellazioni Nebulose Buchi Neri
» Si può viaggiare nel tempo o nei buchi neri? (Astronomia,video e immagini)
» SPURGO POZZI NERI
» cerco storia letteraria di roma. Fedeli volume unico
» Monitoraggio dell' ozonosfera e buco dell' ozono

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Fisica ...tra Scienza e Mistero (Universo,Energia,Mente e Materia) :: Astrofisica e Astronomia-
Andare verso: