Fisica ...tra Scienza e Mistero (Universo,Energia,Mente e Materia)

Fisica ...tra Scienza e Mistero (Universo,Energia,Mente e Materia)

Il forum scientifico di Fausto Intilla (Inventore-divulgatore scientifico) - WWW.OLOSCIENCE.COM
 
IndicePortaleFAQCercaRegistrarsiLista utentiGruppiAccedi

Condividere | 
 

 La vera origine della Croce: il simbolo ed il concetto

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
alessandro albor



Numero di messaggi : 43
Data d'iscrizione : 25.10.09

MessaggioOggetto: La vera origine della Croce: il simbolo ed il concetto   Lun Nov 30, 2009 3:16 pm

Nei primi anni 1990, i calcoli dalla United States Naval Observatory hanno confermato la perturbazione orbitale esibita da Urano e Nettuno, che il dottor Thomas C Van Flandern, astronomo presso l'Osservatorio, ha detto potrebbe essere spiegato con "un unico pianeta da scoprire".

Lui e un suo collega, il dottor Robert Harrington, hanno calcolato che il 10 pianeta, dovrebbe essere da due a cinque volte più massiccio della Terra e ha un'orbita fortemente ellittica, di circa 7.5 miliardi di km oltre quella di Plutone.

Oggi sappiamo che al di là dei pianeti giganti Giove e Saturno, si trovano i pianeti più grandi, Urano e Nettuno, e un piccolo pianeta, Plutone.
Ma tale conoscenza è piuttosto recente.
Urano è stato scoperto, attraverso l'uso di telescopi migliorati, nel 1781.
Nettuno è stato individuato dagli astronomi (guidati da calcoli matematici) nel 1846.

Divenne evidente che Nettuno era stato sottoposto ad attrazioni gravitazionali sconosciute, e nel 1930 Plutone (si trovava).

Gli ultimi progressi nell’ imaging dello spazio, non si basano esclusivamente sulle perturbazioni orbitali come l’unico modo per localizzare e identificare possibili candidati per il famoso Pianeta X.

L’ultimo messaggio pervenutoci dagli astrofisici sulla sua posizione, risale al 2003……., dopo di che, è stato praticamente segretato, ossia: OSCURATO ai media.

Nell'anno 6.000 a.c., vecchie descrizioni sumere del nostro sistema solare, hanno un pianeta in più hanno chiamato "Nibiru", che significa " Pianeta del trapasso ".

Le descrizioni di questo pianeta fatte dai Sumeri, corrispondono esattamente alle specifiche del "Planet X" (il decimo pianeta ), che è attualmente ricercato dagli astronomi nel profondo del nostro Sistema Solare.

Concetti derivati dall’ astronomia moderna e antica, concordano moltissimo, tanto che suggeriscono una orbita molto ellittica, ben oltre l'orbita di Plutone.
Abbiamo scoperto Plutone con i nostri telescopi proprio di recente nel 1930.

Non è possibile che ci siano altre forze al lavoro per il nostro sistema solare, oltre i nove pianeti conosciamo?
Pare di si.

Le descrizioni sumere del nostro Sistema Solare sono stati confermati con i progressi della scienza moderna: dai tempi dei sumeri, la precisione per descrivere i pianeti è travolgente!

Testi mesopotamici esaltano la luminosità del pianeta e ha suggerito che si poteva vedere anche di giorno: "visibile all'alba, scomparendo dalla vista al tramonto".
Un sigillo a forma di cilindro trovato a Nippur, che raffigura un gruppo di uomini a guardare con timore reverenziale, il pianeta 12 (raffigurato come la Croce), è visibile nei cieli.

I testi mesopotamici parlano di apparizione periodici del pianeta come un evento previsto, prevedibile ed osservabile.
Il pianeta si avvicina, però, ci si aspettava di provocare piogge e le inondazioni, come i per effetto dei suoi forti effetti gravitazionali.


Come i dotti della Mesopotamia, i profeti ebraici hanno considerato il tempo di avvicinarsi al pianeta Terra e diventando visibile agli uomini, come ad inaugurare una nuova era.
Ovunque gli archeologi hanno scoperto i resti dei popoli del Vicino Oriente, il simbolo del globo alato è incredibilmente ripetuto, domina templi e palazzi , scolpito sulle rocce, inciso su sigilli cilindrici, dipinto sui muri.
E 'accompagnato da re e sacerdoti, è rimasto sopra i troni, "aleggiava" sopra di loro una battaglia nel campo delle scienze, è stato inciso nel loro carri.

Centrale per la fede religiosa e l'astronomia del mondo antico, è rimasto all'interno del sistema solare e che la sua grande orbita tornerà periodicamente in prossimità della Terra.

Il segno pittogramma per il pianeta il 12, “Pianeta del trapasso ", è una croce.

Questo segno cuneiforme, che significava anche "divino" si è evoluto anche nelle lingue semitiche alla lettera “ tav “, che significa "il segno".

I popoli antichi, non solo hanno previsto l'arrivo periodico del pianeta 12, ma anche sulle carte nautiche è avanzare il corso. Molti dei sigilli sumerici a forma di cilindro, tendono a descrivere un pianeta che orbita ben oltre Plutone, ma viene anche da sud e si muove in senso orario - secondo i dati della Mesopotamia.

Le fonti mesopotamiche e bibliche presentano forti elementi di prova che il periodo orbitale del pianeta 12 è di 3.600 anni.
Il numero 3.600 è stato scritto in sumerico, come un grande cerchio.
L'epiteto per il pianeta, “ shar “, significava anche "un cerchio perfetto" o per meglio dire, "a ciclo completo", come anche significava il numero 3.600.
L'identità dei tre termini - pianeta/orbita/3, 600 - non poteva essere una semplice coincidenza.
I periodi di regno (da un testo sumerico) dà anche multipli perfetti di “shar” di 3.600 anni. La conclusione che si suggerisce è che questi “shar” di sovranità,erano connessi alla shar del periodo orbitale, ovvero 3.600 anni.

Molti dei sigilli cilindrici descriveno i movimenti del pianeta e dei tre punti cruciali in cui il suo aspetto può essere osservato e tracciato da terra.
La prima occasione per osservare il pianeta 12 come la sua orbita lo porta indietro al vicinanze della Terra, quindi, è stato quando è allineato con Mercurio, con un angolo di 30 gradi rispetto all'asse immaginario celeste del Sole - Terra-, il perigeo.

Venendo più vicino alla Terra e quindi un aspetto del "luogo" più lontano nei cieli della Terra (un altro di 30 gradi), il pianeta attraversa l'orbita di Giove.
Infine arrivano nel luogo in cui Planet X originariamente ha urtato la primitiva Terra.

Le aspettative reali per il ritorno del Regno dei cieli, era quindi basato su esperienze reali delle persone della Terra: la loro testimonianza era il ritorno periodico del pianeta 12.

La comparsa periodica del pianeta e la scomparsa dalla vista della Terra conferma le ipotesi della sua permanenza in un’orbita solare. In questo agisce come molte comete.

Tutte le persone del mondo antico, hanno considerato il periodico ritorno durante le differenti epoche, come un segno di grandi sconvolgimenti, e nuovi grandi cambiamenti.
I testi mesopotamici hanno parlato dell’ apparizione periodica del pianeta come un evento previsto, prevedibile ed osservabile.

"Il grande pianeta, al suo aspetto rosso scuro." Il giorno stesso è stato descritto dal Vecchio Testamento, come un tempo di piogge, inondazioni, e terremoti.

Se pensiamo al Vecchio Testamento (ebraico), basato su passaggi della Bibbia come rimando, come le loro controparti della Mesopotamia, al passaggio nelle vicinanze della Terra di un pianeta di grandi dimensioni con una forte attrazione gravitazionale, le parole di Isaia possono essere chiaramente comprese:

"Da una terra lontana giunsero, dal punto finale del Cielo a fare il Signore e le sue armi di collera venute a distruggere la Terra intera. Perciò posso agitare il Cielo e la Terra è scossa dal suo posto. Quando il Signore degli ospiti è l'attraversamento, il giorno della sua ira. "

Cosa fa l'immaginazione dell'uomo............: da fenomeni reali della natura, si passa alle mistificazioni senza senso, ossia la creazione delle religioni, in questo caso la Croce, presa da antiche civiltà, che usavano il simbolo per altri motivi: la SCIENZA.

Capirlo non è cosi difficile, ci vuole solo un pò di buon senso, e sopratutto, in accendere il bulbo pineale per capire le cose.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
 
La vera origine della Croce: il simbolo ed il concetto
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Origine, composizione chimica e struttura verticale dell' atmosfera
» Stesa con metodo della croce semplice
» IL METODO DI STESA DELLA CROCE CELTICA
» Metodo della croce
» Cessionario e intermediario quale differenza? Il caso della Croce Rossa Italiana

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Fisica ...tra Scienza e Mistero (Universo,Energia,Mente e Materia) :: Antiche Civiltà & Archeologia-
Andare verso: