Fisica ...tra Scienza e Mistero (Universo,Energia,Mente e Materia)

Fisica ...tra Scienza e Mistero (Universo,Energia,Mente e Materia)

Il forum scientifico di Fausto Intilla (Inventore-divulgatore scientifico) - WWW.OLOSCIENCE.COM
 
IndicePortaleFAQCercaRegistrarsiLista utentiGruppiAccedi

Condividere | 
 

 Russia: riprenderà la supremazia dello spazio con navicelle a propulsione nucleare

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
alessandro albor



Numero di messaggi : 43
Data d'iscrizione : 25.10.09

MessaggioOggetto: Russia: riprenderà la supremazia dello spazio con navicelle a propulsione nucleare   Lun Nov 30, 2009 9:12 pm

La Russia costruirà una nuova navicella spaziale a propulsione nucleare per le missioni umane sulla Luna , Marte ed altri pianeti,
Il presidente Dmitry Medvedev ha sostenuto il progetto e ha esortato il governo a trovare i soldi, ed ha approvato il progetto che ha promesso di trovare i finanziamenti per esso.

Gli analisti dicono che la Russia potrebbe ripristinare il suo status di potenza spaziale leader se segna un passo avanti con la propulsione nucleare.

Nel commento postato sul suo sito web dell'Agenzia, l'astronave nucleare deve essere utilizzata per i voli umani su Marte e altri pianeti.

Tale progetto rappresenta una sfida tecnologica, ma potrebbe capitalizzare l'esperienza russa nel settore.

Il sito ufficiale dell'Agenzia Spaziale Russa è:

http://www.roscosmos.ru

Vedere, per credere che la tecnologia USA non solo è arretrata, ma tutt'ora COPIA, acquista, si serve, ecc..... dalla tecnologia Russa da oltre 50 anni.

Solo le disponibilità finanziarie, la pubblicità, il servilismo europeo verso gli USA, hanno "imbabolato" il cervello delle masse ignoranti in materia:


L'ente ESA, finalmente ha capito che SENZA la tecnolgia Russa, e la sua disponibilità anche per lanciare le apparecchiature prodotte in Europa, sono di gran lunga superiori alle tecnologie spaziali degli USA.

( il 16 Novembre 2009, sono partiti da Mosca altri 4 motori ( 46 già inviati negli ultimi 20 anni) RD 180, da mettere come primo stadio ai razzi Atlas degli USA ).

Il progetto preliminare potrebbe essere pronto entro il 2012, terminando con il primo test di volo entro nove anni e con un costo di 400 milioni di euro solo per costruire la nave.
Il progetto è volto ad attuare su larga scala programmi di esplorazione dello spazio, tra cui una missione umana su Marte, i viaggi interplanetari, la creazione e il funzionamento di avamposti planetari.

La Russia sta usando razzi vettori e le capsule Soyuz , sviluppate 40 anni fa, per inviare equipaggi verso la Stazione Spaziale Internazionale.


Nonostante la sua dipendenza continua sulla vecchia tecnologia, la Russia si trova ad assumere un ruolo maggiore nel esplorazione dello spazio, nei prossimi anni.

Il piano della NASA di mandare in pensione la flotta shuttle per il prossimo anno, gli Stati Uniti ed altre nazioni dovranno usare la navicella spaziale russa per trasportare i loro astronauti da e per la Stazione Spaziale Internazionale., oltre alle solite missioni (praticamente mensili ) di navicelle senza equipaggio fatte dalle navicelle pluri-automate, denominate Progress , per inviare materiale alla stazione ISS ( figlia della MIR ) in totale automazione per l'aggancio alla ISS ( tecnologia vecchia di oltre 20 anni, cosa che neanche lo Shuttle ha tutt'ora, in quanto il loro attracco alla ISS, è fatto in modo MANUALE! ).


Solo due altre missioni ( non USA ) simili, ossia senza equipaggio ed in totale automazione sono state effettuate:
1 effettuato dall'ESA, denominato Jules Verne (disintegrato al rientro) ed 1 giapponese con conclusione effettiva di aggancio e rientro.

Il nuovo motore della navetta alimentata ad energia nucleare, dovrebbe avere 1 megawatt-di potenza, al contrario dei piccoli reattori nucleari, che alimentano alcuni satelliti militari sovietici.

Durante la guerra fredda, i satelliti-spia sovietici avevano reattori nucleari che hanno prodotto solo qualche kilowatt di potenza e avevano una durata compresa da circa 1 anno a 650 anni.

In una sede a Mosca, Igor Lisov esperto in materia del programma spaziale russo, ha detto che l'uso di un reattore nucleare sulla nave, potenzialmente sarà in grado alimentare un motore elettrico a razzo.

"Sarà molto efficace per il volo su Marte", ha detto all'Associated Press.

I suddetti lavori sovietici fatti da Lisov su un motore a propulsione nucleare a razzo elettrico, risalgono al 1960 quando gli ingegneri sovietici hanno iniziato a sviluppare i piani per un volo con equipaggio su Marte.

Ha detto che l'esperienza e la supremazia della Russia nella costruzione di armi nucleari e di satelliti alimentati ad energia nucleare, contribuiscono a sviluppare la nuova navicella spaziale.


"Sarà necessario un reattore nucleare in modo significativo più potente, ma il compito è abbastanza realistico", ha detto Lisov.

Stanley Borowski, ingegnere presso la NASA e specializzato in motori a razzo nucleare, ha detto che hanno molti vantaggi per le missioni nello spazio profondo.

Nello spazio profondo, il consumo di carburante con i razzi nucleari è due volte più basso, dei razzi convenzionali.
Nel corso della sua recente riunione, la Commissione Presidenziale per la modernizzazione e lo sviluppo tecnologico dell’ economia russa ha chiesto lo sviluppo di un modulo di trasporto di energia con un motore a propulsione nucleare della classe megawatt.

L'esperienza passata dimostra che tale tecnologia costosa è estremamente difficile da sviluppare. Gli Stati Uniti e l'Unione Sovietica, hanno cercato di rendere difficile alla creazione di navette commerciali con propulsione nucleare.


L'URSS si avvicinò con il motore nucleare sperimentale 11B91, mentre gli Stati Uniti ha sviluppato il NERVA (Nuclear Engine for Rocket Vehicle Application) per lo sviluppo di un sistema di spinta di circa 4 tonnellate.

I programmi spaziali nucleari degli Stati Uniti e della Russia, sono stati funestati da un numero di incidenti.

Nel mese di aprile 1964, il sistema di navigazione via satellite Transit della US Navy,con a bordo un generatore radio-isotopico è riuscito a raggiungere l'orbita e si disintegrò nell'atmosfera, espellendo oltre 950 grammi di plutonio-238.


Questo è stato più che la quantità totale di plutonio rilasciata durante tutte le esplosioni nucleari del 1964.

Nel gennaio del 1978, Kosmos-954, un radar sovietico, il Ocean Reconnaissance Satellite (RORSAT) con un reattore nucleare a bordo rientrò nell'atmosfera, dopo il nucleo del reattore del satellite, e cadde in Canada, contaminando 100.000 kmq. del suo territorio.

Nel febbraio 1983, satellite sovietico Kosmos 1402 a propulsione nucleare scese nel Sud Atlantico.

La minaccia più grave di tutte, coinvolse il satellite Cassini-Huygens, una joint venture tra la NASA / European Space Agency / Agenzia Spaziale Italiana, una missione spaziale robotica che attualmente sta studiando il pianeta Saturno ed i suoi numerosi satelliti naturali, è stato lanciato il 15 ottobre del 1997 e che fece un giro gravitazionale ausiliario il 18 agosto 1999.

La sonda, che ha avuto un reattore nucleare, con 32,7 kg di plutonio-238, aveva superato solo 500 km sopra la Terra.


Fino a cinque miliardi di persone potrebbero avere avuto avvelenamento da radiazioni, espulse dalla sonda ed immersa nell'atmosfera.

Il 10 febbraio 2009, Iridium-33, sistema di telecomunicazioni via satellite di proprietà della società statunitense Iridium Satellite LLC e l’equivalente russo, il Kosmos-2251 ambedue con una unità di propulsione nucleare, si sono scontrati al nord della Siberia.

Ciò ha portato a detriti spaziali potenzialmente pericolosi.

Allo stato attuale, 30 satelliti russi e 7 degli Stati Uniti con sistemi nucleari a bordo sono in orbita intorno alla terra ad altitudini di 800-1.100 km, dove le collisioni simili, possono aver luogo.

Questo rende circa 40 " potenziali esplosioni nucleari."

Se uno qualsiasi di questi satelliti colpisce un frammento di spazzatura spaziale, si rallenta e, infine, rientrare nell'atmosfera, espellendo radiazioni sopra la Terra e sulla sua superficie.

Secondo la risoluzione dell’Onu del 1992, a seguito dell’incidente del K 954, dice:


i reattori nucleari possono essere utilizzati nello spazio solo quando il loro utilizzo è assolutamente indispensabile, e dopo che la loro missione spaziale è soddisfatta, la sonda dotata di reattori nucleari dovrebbe essere immessa in orbita sufficientemente elevata. "... L'orbita sufficientemente elevata deve essere tale che i rischi esistenti e future missioni nello spazio esterno e di collisione con altri oggetti spaziali sono ridotti al minimo".

Alla fine del XX secolo, parte della comunità scientifica internazionale ha deciso che era impossibile esplorare lo spazio esterno, senza motori a reattori nucleari, che potrebbero essere utilizzati per accelerare la sonda l’interplanetaria e di fornire loro energia.

Questa conclusione si basa sulla apparente mancanza di alternative per la conduzione con equipaggio per missioni inter- planetarie.


La Russia sta progettando di inviare le sue proprie spedizioni su Marte già da tempo.

La Nasa, a questo punto, visto il ritardo tecnologico, una settimana fa, ha "invitato" la Russia ad effettuare un volo con equipaggio congiunto su Marte.

E comunque, il volo dovrebbe essere sotto il controllo dell'Agenzia spaziale russa e della NASA , mentre la partecipazione delle altre agenzie spaziali internazionali, si devono ancora esprimere in merito.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
 
Russia: riprenderà la supremazia dello spazio con navicelle a propulsione nucleare
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» malattia dello spazio
» Neofita dello spazio
» Codice C.E.R. dello scarto in uscita dall'impianto
» Discarica di pneumatici visibile dallo spazio
» Attività formative a scelta dello studente

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Fisica ...tra Scienza e Mistero (Universo,Energia,Mente e Materia) :: Astrofisica e Astronomia-
Andare verso: