Fisica ...tra Scienza e Mistero (Universo,Energia,Mente e Materia)

Fisica ...tra Scienza e Mistero (Universo,Energia,Mente e Materia)

Il forum scientifico di Fausto Intilla (Inventore-divulgatore scientifico) - WWW.OLOSCIENCE.COM
 
IndicePortaleFAQCercaRegistrarsiLista utentiGruppiAccedi

Condividere | 
 

 Il Libro - Ellam Ondre (Tutto è Uno)

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
pier



Numero di messaggi : 739
Data d'iscrizione : 10.10.07

MessaggioOggetto: Il Libro - Ellam Ondre (Tutto è Uno)   Mer Lug 28, 2010 1:34 pm


“Nell’istante che ti sveglierai conoscerai che il risveglio è meglio di questo sogno”

Questo libro, breve ma straordinario, fu scritto nel 19esimo secolo ed è stato tradotto dal Tamil all’inglese. L’autore è sconosciuto. Fu menzionato dal saggio, Ramana Maharshi, che lo citava spesso insieme ad altri libri consigliandolo ai discepoli che erano alla ricerca della Conoscenza. Questo libro, altamente ricco di insegnamenti di saggezza, indica l’unico metodo veramente effettivo per conseguire la realizzazione (cioè l’illuminazione, moksha o liberazione). Maharshi raccomandava il libro specialmente a coloro che avevano difficoltà di conciliare il concetto politeista (come nella religione Induista) con l’ Advaita, concetto monoteista di un Unico Creatore Universale. Questo libro spiega come in realtà non esiste conflitto tra questi punti di vista, quando le cose, sono viste dalla giusta angolazione, cioè che tutti i gli esseri e gli oggetti, in questo universo espanso, sono essenzialmente parti di un qualcosa di più grande – o come il libro sintetizza : Tutto è Uno.

PREFAZIONE
Gli UOMINI cercano la felicità ed evitano la miseria. E' lo stesso anche per gli altri esseri. Questo vale per la gente comune. Ma la persone superiori, inclinate verso una giusta condotta, sopportano pazientemente il bene o il male che gli giunge. Associarsi con questi ultimi sarà duraturo, mentre con la gente comune non lo sarà. Il Bene per il mondo sarà solo il risultato della comunione con queste persone di ordine superiore.
Sorge allora la domanda: "Che cosa è giusto? ''Il punto è importante, ma la risposta non è stata trovata . Perché? Questo perché ciò che è giusto è determinato dalle circostanze. Tuttavia, anche se può essere scritto un lavoro esauriente sulla materia, ci saranno sempre circostanze non previste dall’autore. Pertanto si rende necessario realizzare quello stato che ci permetterà di valutare le varie condizioni per determinare ciò che è giusto.
Quello stato è univoco. Non ce ne sono altri. Anche se è unico, è sorprendente che l’assennato mondo lo consideri estremamente raro. Nulla ci può essere più straordinario di questo. Questa condizione unica è insegnata molto chiaramente nelle Upanishad. In questo libro ho esposto la stessa verità secondo la mia comprensione. L’ho ritenuto mio dovere. Non ho pretese di originalità. I sei capitoli di questo libro sono così strettamente interconnessi che qualche punto che ti aspetti di trovare in un capitolo magari lo trovi in un altro. Se alcuni punti non fossero chiari con una lettura superficiale diventeranno più comprensibili dopo uno studio più approfondito. Più dettagli potranno essere reperiti consultando i testi tradizionali o affidandosi ai Saggi.


Capitolo primo

UNITÀ

1. Tutto, incluso il mondo visto da te, tu stesso e colui che vede il mondo, è uno solo.

2. Tutto ciò che consideri come io, tu, lui, lei ed esso , è uno solo.

3. Quello che tu consideri siano esseri senzienti e tutto ciò che tu ritieni esseri non senzienti, come la terra, l’aria, il fuoco e l’acqua è tutto uno.

4. Il bene che deriva dal considerare tutti come uno, non può aversi ritenendo ciascuna parte come separata dalle altre. Quindi tutto è uno.

5. La conoscenza dell’ unità del tutto, è bene per te ed è bene per gli altri. Quindi tutto è uno.

6. Colui che vede "Io sono separato", "tu sei separato", "egli è separato" e così via, agisce in un modo per se stesso e in un altro modo per gli altri. Non può farne a meno. Il pensiero "Io sono separato, altri sono separati" è il seme da cui germoglia l'albero delle differenti azioni in relazione a persone diverse. Come può non essere retta una persona che conosce l'unità di se stesso con gli altri? Fintanto che il germe della differenziazione sia lì, l'albero delle diverse azioni prospererà, anche senza saperlo. Pertanto rinunciate alla differenziazione. Tutto è uno solo.

7. Chiedete: "Se nel mondo tutte le cose appaiono diverse, come posso considerare tutti come uno? C'è un modo di acquisire questa conoscenza?" La risposta è: "In uno stesso albero vediamo foglie, fiori, bacche e rami, diversi l'uno dall'altro, eppure tutti sono uno perché sono tutti inclusi nella parola 'albero'. La loro radice è la stessa: la loro linfa è lo stessa. Allo stesso modo, tutte le cose, tutti i corpi, tutti gli organismi provengono dalla stessa sorgente e permeati da un unico principio di vita. " Quindi tutto è uno.

8. Oh, buon uomo! È l'affermazione che "Tutto è uno", buona o cattiva? Pensa da te stesso . Così come una persona sarà sempre giusta considerando se stessa come gli altri e gli altri come se stessa, come può il male attaccare colui che conosce se stesso essere gli altri e gli altri essere se stesso? Ditemi se c'è un modo migliore della conoscenza di unità per ottenere il bene? Certo, altri metodi non possono essere buoni come questo. Come può uno amare gli altri più di quando, conoscendoli in unità-amore come unità, sa che essi sono egli stesso, essi sono realmente uno.

9. Chi può condividere la pace mentale e la freschezza del conoscitore dell’ unità? Egli non ha doveri. Il Bene di tutti è il suo bene. Una madre considera il benessere dei suoi figli essere il proprio benessere. Eppure, il suo amore non è perfetto perché pensa che lei sia separata dai suoi figli e che loro siano separati da lei.. L'amore di un Saggio, che ha realizzato l'unità del tutto, è di gran lunga superiore, perfino all'amore di una madre. Non ci sono altri mezzi per ottenere tale amore che la conoscenza dell’ unità. Quindi tutto è uno.

10. Sappi che il mondo intero è il tuo incorruttibile corpo e che tu sei l’eterna vita del mondo intero. Dimmi se c’è qualcosa di male in questo? Chi teme di percorrere questa innocua via ? Siate coraggiosi. I Veda insegnano questa verità. Non c'è nulla ,oltre te stesso. Tutto il bene sarà tuo. Sì, tu diventi il Bene stesso. Tutto quello che altri otterranno da te sarà solo bene. Chi farà del male al proprio corpo e alla propria anima? Se c'è un ascesso nel corpo gli viene applicato un rimedio. Anche se il rimedio è doloroso, è destinato a fare solo del bene. Tali saranno alcune delle vostre azioni; saranno solo per il bene del mondo. Per questo motivo, tu non sarai coinvolto nella differenziazione. Ho scritto in breve: Il conoscitore dell’ unità agirà come uno dovrebbe. Infatti, la consapevolezza dell’unità lo indurrà ad agire. Egli non può sbagliare. Nel mondo, egli è Dio resosi visibile. Tutto è uno.


Segue
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
 
Il Libro - Ellam Ondre (Tutto è Uno)
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Se carico poi come lo scarico? Rimane tutto in giacenza?
» dal libro "dimagrire x sempre...."
» Cerco libro per GRAMMATCA ITALIANA...URGENTE!!
» cerco libro per le vacanze con testo in stampato maiuscolo, classe prima primaria
» PROGETTO LETTURA / LIBRO

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Fisica ...tra Scienza e Mistero (Universo,Energia,Mente e Materia) :: Discipline Vediche e Spiritualità-
Andare verso: