Fisica ...tra Scienza e Mistero (Universo,Energia,Mente e Materia)

Fisica ...tra Scienza e Mistero (Universo,Energia,Mente e Materia)

Il forum scientifico di Fausto Intilla (Inventore-divulgatore scientifico) - WWW.OLOSCIENCE.COM
 
IndicePortaleFAQCercaRegistrarsiLista utentiGruppiAccedi

Condividere | 
 

 La Coldiretti sulla Cina

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
pier



Numero di messaggi : 739
Data d'iscrizione : 10.10.07

MessaggioOggetto: La Coldiretti sulla Cina   Sab Ago 21, 2010 7:34 pm

ArchivioStampa
‘Ha primato export cibi contaminati in Europa’Nel 2009 1 allarme su 10 ha riguardato prodotti alimentari cinesi
di Fabrizio de Jorio

Nonostante il dichiarato impegno a garantire la sicurezza alimentare dopo lo scandalo del latte alla melamina, la Cina ha continuato ad esportare prodotti a rischio ed è stata il Paese che ha ricevuto dall'Unione Europea il maggior numero di notifiche per prodotti alimentari irregolari perché contaminati dalla presenza di micotossine, additivi e coloranti al di fuori dalle norme di legge. Lo rileva la Coldiretti sulla base della Relazione sul sistema di allerta per gli alimenti dalla quale si evidenza che nel 2009 su un totale di 3204 allarmi per irregolarità ben 344 (11 per cento) hanno riguardato la Cina per pericoli derivanti dalle contaminazioni dovute sopratutto a materiali a contatto con gli alimenti.

Il nuovo sequestro di oltre cento quintali di latte contaminato con la melamina è – sottolinea la Coldiretti - la conferma della presenza di gravi difficoltà da parte del gigante asiatico di adeguarsi alle norme di sicurezza alimentare nel rispetto degli impegni assunti a livello internazionale.

L'Italia non importa latte e suoi derivati dalla Cina, ma si fa sempre più urgente la necessità di intensificare i controlli per verificare la presenza di eventuali triangolazioni e di contaminazioni in prodotti derivati, considerato che nel 2009 - secondo la Coldiretti - sono stati segnalati in Europa ben 15 allarmi. Di fronte all'estendersi dell'allarme sui rischi dei prodotti cinesi, Coldiretti propone di estendere l'obbligo di indicare in etichetta la provenienza di tutti gli alimenti.

In Italia negli ultimi dieci anni sono praticamente quadruplicati (+272 %) gli sbarchi di concentrato di pomodoro cinese e rappresentano oggi la prima voce delle importazioni agroalimentari dal gigante asiatico, secondo una analisi della Coldiretti sui dati relativi ai primi cinque mesi del 2010 rispetto allo stesso periodo del 2000. La possibilità di “spacciare” come Made in Italy la produzione orientale, oltre ai rischi sanitari confermati dai recenti sequestri, sta mettendo in crisi la coltivazione della vera pummarola Made in Italy il cui raccolto è stimato quest’anno in calo di quasi il 10 per cento. Il quantitativo che sbarca in Italia dalla Cina dovrebbe superare a fine anno i 100 milioni di chili e corrisponde - sottolinea la Coldiretti - a quasi il 15 per cento della produzione di pomodoro fresco italiana destinato alla trasformazione realizzata in Italia. Dalle navi - conclude la Coldiretti - sbarcano fusti di oltre 200 chili di peso con concentrato da rilavorare e confezionare come italiano poiché nei contenitori al dettaglio è obbligatorio indicare solo il luogo di confezionamento, ma non quello di coltivazione del pomodoro.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
 
La Coldiretti sulla Cina
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Dubbi amletici sulla panna
» Chiarimenti dell'Albo Gestori sulla figura dell'intermediario
» [Primi Passi] Prima misurazione...domande sulla temperatura
» FILM: Taare Zameen Par (sulla dislessia)
» SCHEDE SULLA LOGICA E L'ATTENZIONE

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Fisica ...tra Scienza e Mistero (Universo,Energia,Mente e Materia) :: Salute & Medicina-
Andare verso: