Fisica ...tra Scienza e Mistero (Universo,Energia,Mente e Materia)

Fisica ...tra Scienza e Mistero (Universo,Energia,Mente e Materia)

Il forum scientifico di Fausto Intilla (Inventore-divulgatore scientifico) - WWW.OLOSCIENCE.COM
 
IndicePortaleFAQCercaRegistrarsiLista utentiGruppiAccedi

Condividere | 
 

 La relatività di Whitehead

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Claudio Sauro



Numero di messaggi : 286
Localisation : Italia
Data d'iscrizione : 19.10.09

MessaggioOggetto: La relatività di Whitehead   Mer Mag 09, 2012 6:19 pm

la relatività di Whitehead

http://www.uniurb.it/Filosofia/isonomia/2006brame.pdf

Dalla metafisica alla fisica: la relatività di Whitehead
Ph.D. Mario Valentino Bramè
Università degli Studi di Genova
bramario@libero.it
Abstract
The Relativity Theory by Alfred North Whitehead has been formulated in 1922. It is an
alternative to the Theory of General Relativity by A. Einstein, for it accepts the results of
Special Theory of Relativity but denies the possibility to deal with a variable curvature of the
space-time. The great appeal of that theory is due to its metaphysical origin, for it directly comes
out from Whitehead’s process metaphysics. From an experimental point of view, it is worth
saying that the Relativity Theory by A. Whitehead hasn’t been definitely disconfirmed yet. In this
paper we analyse the conceptual aspects of that theory and how the metaphysical thought of A.N.
Whitehead comes to produce it.
1. Introduzione
La Relatività di Whitehead, formulata nel 1922, offre una teoria gravitazionale
alternativa alla Relatività Generale di Einstein. Accetta i risultati e gli scenari della
Relatività Ristretta ma rifiuta l’idea di una curvatura variabile dello spaziotempo,
introdotta successivamente con la Relatività Generale. Nella teoria di Whitehead viene
riformulata l’idea della gravità come forza basata sull’azione a distanza e non come
effetto della curvatura dello spaziotempo dovuta alla presenza di una massa.
Nonostante costituisca, da questo punto di vista, un passo indietro rispetto alla
rivoluzione concettuale einsteiniana, la teoria di Whitehead possiede uno straordinario
fascino intellettuale, dal momento che essa è diretta emanazione di considerazioni
puramente metafisiche. Essa, infatti, è costruita su quel concetto di prensione che
costituisce il fulcro della metafisica whiteheadiana. Osservando la teoria di Whitehead
ci si rende conto di quanta coerenza ed eleganza il pensiero metafisico (inteso come
filosofia della natura) possa disporre nell’intervenire sulla fisica non solo per
commentarla – come spesso è avvenuto – ma, addirittura, per modificarla.
In questo lavoro si vuole fornire una breve illustrazione di tale teoria, ponendo
l’accento sul concetto di causalità meccanica e sulla natura stessa dell’attrazione
gravitazionale derivanti dalla formulazione di Whitehead, integrando, chiarendo e
talvolta tentando di correggere alcune interpretazioni pregresse. Si vuole, in questo
modo, mostrare come la Teoria della Relatività di Whitehead venga letteralmente
generata dalla metafisica e a essa faccia ritorno, poiché se è vero che nella prensione è
scritta la visione del mondo dalla quale derivano le formule, è altrettanto vero che nelle
formule ritroviamo, alla fine, quegli stessi concetti metafisici dai quali si era partiti.
Vale la pena sottolineare preliminarmente che la Teoria della Relatività di
Whitehead, nel corso degli anni, superò con ottimi risultati tutti quegli stessi controlli
sperimentali cui venne sottoposta la Relatività Generale di Einstein (curvatura dei raggi
luminosi in prossimità di un campo gravitazionale, perielio anomalo di Mercurio, red
shift). Nel 1971 venne confutata quando si giunse alla conclusione che essa genererebbe
un’anisotropia nella costante gravitazionale G in disaccordo con alcune osservazioni
sperimentali1. Tuttavia, nel 1974, fu formulata una vera e propria “confutazione della
confutazione”2.
A tutt’oggi, dunque, la Teoria della Relatività di Whitehead rimane, per lo meno da
un punto di vista concettuale, ciò che il Premio Nobel C.M. Will volle identificare come
una «autentica spina nel fianco di Einstein».
2. Un’esigenza di uniformità spaziotemporale
Pur tralasciando un’introduzione dello scenario metafisico whiteheadiano3, che trova
la sua completa formulazione ne Il processo e la realtà, vale la pena concentrarci
preliminarmente sul tentativo di Whitehead di ridurre la fisica a rigorosa astrazione
operata sui fenomeni. Già in On Mathematical Concepts of the Material World
Whitehead avvia un’indagine sui modi in cui l’uomo descrive “matematicamente” il
mondo materiale; nel 1919 (I princìpi della conoscenza naturale) egli cerca di costruire
una completa e complessa formalizzazione di come l’uomo astrae i concetti scientifici
dai fenomeni. Tuttavia la sua proposta non è riducibile alla semplice descrizione di una
procedura adottata nell’ambito scientifico: è molto di più. È il tentativo di ridurre
completamente la scienza a una sfera fenomenologica, di colmare il divario tra il
soggetto conoscente e l’oggetto scientifico conosciuto, portando tale oggetto nella pura
sfera fenomenica. Spingendoci più in là, con una buona dose di spregiudicatezza,
potremmo dire che Whitehead cerca di elaborare una sorta di schematismo
trascendentale kantiano – ovvero l’applicazione della forma al dato d’esperienza, dove
al posto delle categorie troviamo un metodo: il metodo dell’astrazione estensiva. Il
tutto, com’è ovvio, senza dimenticare le grandi differenze gnoseologiche tra i due
sistemi filosofici.
Con questo metodo Whitehead si propone di partire dall’analisi fenomenica precategoriale
e indagare in che modo l’uomo riesce a operare la prima quantificazione, a
isolare dal flusso fenomenico l’unità minima dalla quale poi iniziare a costruire tutta
l’impalcatura teorica delle scienze, dalla geometria, alla matematica, alla fisica. Il tutto
deve essere codificato in maniera rigorosa e oggettiva4, per poter fornire alla scienza
delle basi solide e per poterla ricondurre completamente alla sfera fenomenica – la quale
è certa, immediata – e, in questo modo, evitare il profondo divario (ontologico ed
epistemico) che esiste tra il concetto scientifico e il suo corrispettivo empirico.
Whitehead prende le mosse dall’assunto secondo il quale l’esperienza dell’essere
umano è, innanzitutto, riconducibile a durate. Indubbiamente si tratta di un termine
fuorviante, dal momento che solitamente lo si associa quasi esclusivamente alla sfera
temporale. Nell’analisi whiteheadiana, invece, la durata ha una valenza ambigua,
prevalentemente temporale – certamente – ma non solo. Le durate sono fette (slab) di
esperienza, che si distinguono dalle altre per la lunghezza. Il loro criterium
individuationis è sicuramente il tempo, ma non si deve pensare a esse come a delle
semplici durate temporali, astratte da tutto il resto dell’esperienza. Essendo fette di
esperienza, esse contengono, per usare la terminologia di Whitehead, tutta la natura per
tutta quella durata.
L’obiettivo di Whitehead è cercare di giustificare, alla luce della realtà
dell’esperienza e dei fenomeni, quell’astrazione estrema e iniziale che la fisica classica
ha sempre dato per scontata, ovvero la riduzione della natura a un insieme di punti adimensionali
posizionati in istanti temporali privi di durata. Ma questi punti adimensionali
non esistono nell’esperienza, e anche le durate, del resto, sono sempre
durate diverse da zero. Così, se io analizzo il mio flusso esperienziale, posso trovare in
esso la mia stanza, per un certo periodo temporale. Ma all’interno dell’evento-stanza per
un dato periodo ho l’evento-stanza per un periodo inferiore, ho anche l’evento-tavolo
per lo stesso periodo, che è, quindi, contenuto dal punto di vista spaziale nell’eventostanza.
E la possibilità di individuare criteri di individuazione degli eventi è pressoché
illimitata.
Tra i criteri di individuazione ci sono certamente il tempo e lo spazio. È da qui che
Whitehead vuole partire per arrivare a definire in che cosa consistono, sotto questo
punto di vista, i punti a-dimensionali dello spazio e gli istanti senza durata del tempo. Se
prendiamo, per esempio, il tempo, ci rendiamo conto di come il concetto di istante sia
un concetto-limite generato dalla capacità umana di astrarre dall’esperienza. Questa
capacità umana, questo procedimento, viene formalizzato da Whitehead e nominato
astrazione estensiva.
Grazie al metodo dell’astrazione estensiva, Whitehead riesce a derivare
dall’esperienza innanzitutto il concetto di evento istantaneo e di momento ovvero «un
estratto [abstract] di tutta la natura a un istante». È qui che nasce l’unità metafisica
fondamentale della “cosmologia” whiteheadiana; l’evento, infatti, inizia a caratterizzarsi
come una monade leibniziana, come un’unità metafisica in cui tutto l’essere si
manifesta attraverso un singolo evento che contiene, ed è frutto, di tutte le relazioni che
lo hanno preceduto. Ma nell’evento noi possiamo individuare differenti componenti, a
seconda della condizione formativa che utilizziamo per comporre le nuove classi di
astrazione. Se utilizziamo, per esempio, come condizione, l’individuazione di una figura
geometrica come un quadrato, e degli infinitesimi quadrati in esso contenuti e
“concentrici”, possiamo vedere come la classe astrattiva composta da questi quadrati
degeneri in un punto, così come quella composta da rettangoli di base uguale ma di
altezza decrescente degenera in una linea. In questo senso (ovviamente l’analisi di
Whitehead impiega un formalismo completo ed esauriente) possiamo vedere come sia
possibile derivare dall’esperienza i concetti primi della geometria. Il punto, per esempio,
in quanto classe astrattiva, è “contenuto” nella classe astrattiva della retta7. In seguito, in
base al concetto di sistema temporale8, viene definito il criterio di parallelismo e, ancora
oltre, quello di normalità. Insomma, si tratta di identificare tramite il metodo
dell’astrazione estensiva gli elementi base della geometria e, in un certo senso, ridurre
alcune componenti qualitative della percezione a elementi quantitativi misurabili.
Whitehead introduce da subito l’idea di sistema temporale, che ricorda da vicino il
concetto di sistema di riferimento della fisica relativistica (ovvero il cui tempo è diverso
rispetto a quello degli altri sistemi di riferimento in moto relativamente a esso). Da
questi punti di partenza, Whitehead procede a una specie di “riallineamento” della sua
geometria alle leggi fisiche e matematiche. Ciò che sembra voler dimostrare è che anche
definendo gli elementi ultimi della geometria come risultato del convergere di una serie
impostata esclusivamente sul concetto di evento percettivo, si possono raggiungere tutti
quei risultati che costituiscono la scienza moderna. Che cosa si guadagnerebbe in questo
modo? Che la scienza è astrazione dai fenomeni, che, per esempio, non c’è soluzione di
continuità tra la percezione dello spazio e il concetto di spazio così com’è formalizzato
nella relatività di Einstein. In breve, Whitehead vuole in questo modo eliminare la
dicotomia mondo dell’esperienza/mondo della scienza e, pertanto, porre fine alla
cosiddetta “biforcazione della natura” e, di conseguenza, anche alla cosiddetta
“concretezza mal posta”, dal momento che, per esempio, il punto adimensionale che è
oggetto dell’indagine scientifica è anche, in un certo senso, un dato dell’esperienza in
quanto limite verso cui tende il processo di astrazione estensiva secondo uno dei criteri
di astrazione (o condizione formativa). Come logica conseguenza del metodo
dell’astrazione estensiva (ma anche di tutta la metafisica whiteheadiana che nei testi
successivi a I princìpi della conoscenza naturale troverà una sistematizzazione
complessa e ampia), i punti delle rappresentazioni fisico-matematiche saranno così
punti-evento, e le particelle saranno particelle-evento. Per questo motivo, i corpi
presenti nelle abituali rappresentazioni dello spaziotempo minkowskiano, per esempio,
non devono essere visti, a detta di Whitehead, come particelle, masse inserite in una rete
spaziotemporale; bensì devono essere intesi come eventi, la cui componente materiale,
la massa, l’essere “particella”, è solo una delle caratteristiche possibili.
Infatti, una delle critiche più decise che Whitehead rivolse a Einstein fu
l’osservazione secondo la quale, nella sua teoria, la massa gode ancora di un privilegio
ingiustificato. Whitehead, cioè, sostiene che l’opera di Einstein fu geniale nel riuscire a
formalizzare la relatività dello spazio e del tempo in funzione della velocità con la quale
si muove il sistema di riferimento dal quale vengono effettuate le osservazioni; in
questo modo si poteva notare come un’assurdità come lo spazio e il tempo assoluti
venissero cacciati dal mondo della fisica e come, in realtà, fossero da intendere come
qualità, aspetti, aggettivi di un evento, non come strutture precostituite all’interno delle
quali posizionare l’evento in esame. Tuttavia, secondo Whitehead, l’opera non è
completa: la massa continua a godere, nella teoria di Einstein, di un privilegio
ingiustificato, mentre anch’essa dovrebbe essere intesa come un aggettivo della vera
unità reale e propriamente esistente: l’evento.
Le relazioni nella fisica whiteheadiana, invece, saranno relazioni tra eventi e non tra
oggetti, il che significa, tra le altre cose, che l’oggetto dell’osservazione, per essere
evento, dovrà contenere in sé il suo essere parte di un processo, il suo divenire soggetto
e, in seguito, oggetto secondo la struttura della prensione. Come vedremo, ciò si ottiene
rendendo esplicita l’implicazione del passato nel futuro, anche all’interno dello stesso
formalismo matematico della teoria fisica di Whitehead.
Certamente il metodo dell’astrazione estensiva non è scevro da obiezioni (da dove
“saltano fuori” le condizioni formative? Quale la loro genesi?), tuttavia si tratta
indubbiamente di un tentativo sistematico completo e ambizioso. Tramite l’astrazione
estensiva Whitehead riesce a derivare i concetti e le formule della fisica moderna,
secondo un lungo percorso che va dalla percezione pre-concettuale alle trasformazioni
di Lorentz. Si tratta di un risultato notevole che, tuttavia, è basato su un postulato:
l’uniformità dello spaziotempo.
Si tratta infatti di un vero postulato sul quale, a sua volta, si basa quel criterio di
congruenza che, essendo la geometria prodotta dall’astrazione estensiva una geometria
non metrica, risulta necessario all’applicazione delle teorie della fisica sui fenomeni.
Tralasciando l’esposizione del criterio di congruenza, possiamo ora concentrarci sulle
caratteristiche dello spazio e del tempo nello scenario generato dalla teoria della
astrazione estensiva.
Si è accennato brevemente ai criteri in base ai quali il soggetto opera sulla fetta di
esperienza inizialmente individuata. Tali criteri (le condizioni formative), possono, per
esempio, essere la spazialità e la temporalità. Nel caso del tempo, per esempio, ci si
potrebbe trovare di fronte alla situazione in cui l’evento-stanza, in questo momento,
venisse considerato come evento-contenitore di altri eventi dalla durata inferiore che
vanno a comporlo. Operando questa individuazione di eventi (la gatta che mi passa di
fronte per un tempo della durata T1 è un evento contenuto nell’evento-stanza T0; la gatta
che starnutisce mentre cammina è un evento della durata T2 inferiore per durata
all’evento T1 ed è in esso contenuto, e così via, fino all’evento limite della durata di un
istante), si utilizza il tempo (o lo spazio, a seconda) come criterio di misurazione; ora,
che senso avrebbe selezionare, ordinare, portare al loro limite gli eventi in base alla loro
durata se il tempo fosse variabile?
La relatività ristretta, in questo caso, non crea problemi: la metafisica whiteheadiana,
infatti, può benissimo accogliere l’idea di un tempo non assoluto e di uno spazio
soggetto alle contrazioni lorentziane, poiché anche in questo caso rimarrebbe uno
sfondo, un riferimento uniforme, sulla base del quale il soggetto può operare le proprie
astrazioni sui fenomeni: lo spaziotempo. Il metodo dell’astrazione estensiva, cioè,
rimane salvo solo se esiste una struttura che faccia da sfondo permanente alle astrazioni
e ne permetta il confronto, dal momento che questa struttura dovrebbe fornire l’“unità di
misura” stessa per il confronto.
Lo spazio e il tempo, dunque, nella loro unità nello spaziotempo, si danno come
aggettivi degli eventi in una modalità relazionale reciproca che rimane, in ogni caso,
uniforme. Essi sono certamente “solo” aggettivi degli eventi, così come lo è la materia.
Tuttavia questi “aggettivi”, data la loro uniformità nel loro insieme (lo spaziotempo),
costituiscono un’importantissima struttura – verrebbe da dire a priori – dell’esperienza.
Le cose cambiano radicalmente con l’avvento della teoria della relatività generale.
Com’è ben noto, questa teoria prevede la curvatura variabile dello spaziotempo il che
sta a significare, per la visione filosofica di Whitehead, il venir meno della rispondenza
della fisica con quell’uniformità di struttura dell’esperienza9 che è verità fenomenica e
insieme fondamento del metodo dell’astrazione estensiva.
Quello appena esposto non è l’unico motivo “filosofico” che spinge Whitehead a
rifiutare la teoria einsteiniana del 1916; esiste anche una motivazione che chiama in
causa più da vicino il concetto stesso di evento che, se nell’esposizione del metodo
dell’astrazione estensiva ha solo un ruolo, per così dire, strumentale, in seguito diverrà,
attraverso l’elaborazione del concetto di prensione, l’oggetto metafisico centrale della
riflessione whiteheadiana.
Come si è visto poco sopra, infatti, uno degli obbiettivi di Whitehead è quello di
evitare l’idea, così diffusa nella fisica classica, di simple location, ovvero l’idea secondo
la quale la natura è costituita, in ultima analisi, da sostanze posizionate in un punto
preciso dello spazio e in un istante di tempo. Il concetto di evento nasce proprio
dall’opposizione a questa idea, e coincide col tentativo di proporre un’unità fenomenica
(e, in seguito, metafisica) che risponda in maniera più appropriata alle reali
caratteristiche dell’esperienza. Infatti, così come non esiste, nella sfera fenomenica,
alcun istante privo di durata, né alcun punto adimensionale, allo stesso modo non esiste
la possibilità di isolare un evento istantaneo (come l’esistenza statica di un “oggetto” in
un punto adimensionale dello spazio e del tempo). Anche l’esistenza di un masso
immobile è un evento, dotato di una sua dinamicità in quanto concrescenza o prensione
che sorge dal processo sottostante; questo se vogliamo usare i termini del Whitehead più
maturo. La fisica classica (e il senso comune) invece, vede la natura come popolata da
“oggetti” il cui status ontologico è profondamente incerto. Questa impronta fortemente
aristotelica, basata sul concetto di sostanza, ha per millenni guidato le indagini sulla
natura da parte dell’uomo e ha finito, certamente per comodità di indagine e di
esposizione, per generare un’immagine razionalmente carente della natura con la quale
abbiamo a che fare.
Il “risveglio dal sonno dogmatico” di Whitehead è certamente dovuto a Minkowski,
nella cui sistemazione teorica della relatività ristretta, per la prima volta, appare il
concetto di “evento” come oggetto centrale dell’indagine scientifica. Ciononostante,
l’opera di Minkowski sembra, agli occhi di Whitehead, fermarsi a un passo dal
traguardo. In essa l’evento non è ancora quell’oggetto estremamente duttile che rimane,
per quanto possibile, estraneo all’idea di sostanza; ancora permane l’idea, per quanto lo
spazio e il tempo appaiano come caratteristiche dell’evento e non strutture assolute
“esterne”, di un oggetto, di una sostanza materiale posizionata in una struttura
preesistente: lo spaziotempo. Identificando il punto-evento come risultato-limite di un
procedimento dinamico di astrazione, Whitehead compie il passo decisivo,
trasformando definitivamente l’evento in una semplice unità identificabile tramite le sue
qualità: spazio, tempo, massa ecc. La materia, l’essere “particella” dell’evento, perde
così ogni primato rispetto alle altre caratteristiche.
Con l’avvento della relatività generale, invece, la supremazia della materia rispetto a
spazio e tempo sembra riproporsi in maniera prepotente. È la materia che “curva” lo
spaziotempo, che caratterizza la metrica, la geometria, il comportamento dei corpi nelle
vicinanze. È pur vero che lo spaziotempo dice alla materia “come muoversi”, ma, agli
occhi di Whitehead, il rapporto non sembra perfettamente simmetrico. La massa-energia
è protagonista nella relatività generale, sebbene non si possa parlare di simple location,
dal momento che lo spazio nella quale viene “immersa” è ben lungi dall’essere una
struttura predefinita e omogenea.
Questa osservazione, oltre a fornire un’altra motivazione filosofica del rifiuto di
Whitehead della relatività generale introduce il problema della misurazione, che
costituisce, se non altro da un punto di vista metodologico, il motivo principale di tale
rifiuto.
Basta leggere i passi di Il concetto della natura in cui Whitehead prende posizione
nell’ambito della diatriba tra le posizioni di Poincaré e quelle di Russell a proposito
della convenzionalità o meno del criterio di congruenza, e ci si rende subito conto dei
motivi per i quali la teoria della relatività generale costituisca un problema per la
filosofia della scienza whiteheadiana:
la congruenza dipende dal moto, e da ciò si origina la connessione fra la congruenza
spaziale e quella temporale. Il moto lungo una retta produce una simmetria attorno a quella
retta; e questa simmetria è espressa dalle relazioni geometriche simmetriche della linea
rispetto alla famiglia di piani normali a essa.10
Cosa succederebbe, viene da chiedersi, se la retta in questione fosse “curvata” dalla
presenza di una massa? Come conservare quella simmetria che sta alla base della
congruenza?
Il problema ha grande importanza. Proprio in The Principle of Relativity, Whitehead
dedica al concetto di uguaglianza un’intera sezione. Dopo aver ribadito che i criteri di
parallelismo e di normalità derivano dal moto reciproco dei diversi sistemi inerziali (o
sistemi temporali)11 e dalle conseguenti intersezioni tra le linee di universo degli eventiparticella
immobili nei relativi sistemi e le rette lungo le quali si spostano gli stessi
sistemi, Whitehead lega a questi criteri anche il concetto di congruenza, utilizzando
semplicemente le proprietà dei parallelogrammi. Anche la congruenza temporale viene
esposta rifacendosi ai rapporti tra i differenti sistemi temporali. Ma ciò che è più
importante è notare come il tutto si regga sul fatto che nulla possa influire sulla
definizione dei criteri di parallelismo, tanto meno la presenza di una massa. Se infatti
tali criteri sono definiti in relazione al moto reciproco dei differenti sistemi di
riferimento e, soprattutto, in relazione alla costanza, per così dire, delle assi cartesiane
in base alle quali viene definita la linea di universo (retta) degli eventi-particelle
immobili in un dato sistema di riferimento, allora non c’è davvero spazio per la
curvatura variabile dello spazio, dal momento che, in questo caso, verrebbe a cadere il
meccanismo del criterio di parallelismo sul quale è basato quello di congruenza.
Come illustra felicemente Whitehead, qui si vengono a scontrare due modi differenti
di intendere la natura, due scenari metafisici diversi. Se intendiamo la natura come
insieme di oggetti materiali e, quindi, lo spazio e il tempo come tipi di relazioni tra
questi “oggetti”, allora vuol dire che la materia e la corpuscolarità dell’oggetto sono in
una posizione privilegiata, vuol dire che l’indagine sulla natura prende le mosse dalla
materia, la quale, essendo punto di partenza a-critico, assume la vera e propria
caratteristica di assioma. Se lo spaziotempo deve essere una caratteristica degli oggetti,
cioè, esso condividerà con gli oggetti la loro stessa contingenza e, di conseguenza,
risulterà impossibile definire un criterio di congruenza, una teoria della misurazione,
una razionalità fondante dell’esperimento. Ciò è sintetizzato dallo stesso Whitehead (in
uno dei rarissimi esempi concreti di tutta la sua opera):
Io non riesco a capire che significato può essere attribuito alla distanza tra il sole e
Sirio se la natura intima dello spazio dipende dall’intervento casuale di oggetti dei
quali non sappiamo nulla.
Non si tratta solamente del timore che eventuali oggetti non considerati entrino a
perturbare l’osservazione e a cambiare la distanza tra il sole e Sirio (cioè cambiarne una
delle modalità di relazione). Il problema è ancora più radicale: se si intendono lo spazio
e il tempo come connessioni tra oggetti, risulta inconcepibile il concetto stesso di
misurazione; scrive Bonfantini riportando l’analisi di Lewis: «in sostanza la concezione
e definizione delle misure che Einstein assume poggerebbe su una insostenibile
circolarità – in quanto le misure sono intese dipendere da quegli stessi oggetti fisici
‘contingenti’ le cui qualità (per esempio la lunghezza, ndr) esse dovrebbero
determinare, e che prima dell’operazione di misura sono ovviamente inconoscibili»13.
Ulteriormente illuminante, a tal proposito, è l’esemplificazione portata da Tanaka:
Se abbiamo intenzione di posizionare un corpo materiale e la sua immagine nello
stesso spazio è necessario che lo spazio abbia una struttura uniforme indipendente
dalla materia. Per esempio, possiamo interpretare il risultato dell’esperimento di
Eddington in un modo che non ci costringa a dire “lo spazio è curvato”. L’evidenza
sperimentale per l’idea che i raggi di luce vengano curvati nelle vicinanze del sole
è che l’immagine visiva di una stella distante è spostata a causa dell’intervento del
sole. Ma come possiamo parlare di spostamento se non poniamo due immagini
visive nello stesso spazio? Dal momento che una viene osservata in presenza
dell’intervento del sole e l’altra durante la sua assenza, si richiede che lo stesso
spazio abbia un carattere uniforme indipendente dalla materia.
Se, invece, intendiamo la natura come costituita da eventi (in un senso più radicale degli
“eventi” dello spaziotempo minkowskiano), allora dobbiamo ripudiare Einstein e la sua
teoria, poiché lo spaziotempo sarà quella struttura uniforme (poiché a curvatura
costante) che fa da sfondo all’esperienza e ai criteri di parallelismo e congruenza, e che
non partecipa della contingenza degli eventi. Lo spazio e il tempo, separatamente,
rimarranno certamente degli “aggettivi” dell’evento (insieme alla materia), in quanto
saranno comunque lungi dall’essere delle strutture assolute, dal momento che
continueranno a sussistere, per esempio, le contrazioni e le dilatazioni lorentziane che
sono proprie della relatività ristretta.
Sono queste, dunque, le motivazioni che spingono Whitehead a cercare di elaborare
una teoria gravitazionale che non preveda uno spaziotempo a curvatura variabile, ma,
allo stesso tempo, che si integri perfettamente con la teoria della relatività ristretta.
Certamente si tratta di motivazioni filosofiche, quasi completamente metafisiche
(sebbene Whitehead stesso rifiutasse, almeno a livello di proposito, il ricorso alla
metafisica) e metodologiche.
Di certo c’è che Whitehead “prepara la propria critica alla relatività generale di
Einstein nel corso degli anni attraverso alcune pubblicazioni che fungono, in un certo
senso, da ricerca preliminare ai 1920 books (‘I principi della conoscenza naturale’, ‘Il
concetto della natura’ e ‘The Principle of Relativity’): dalla rivisitazione del concetto di
spazio e di tempo, allo choc derivato dalla pubblicazione e divulgazione della teoria
della relatività ristretta, alla ricerca degli elementi ultimi della realtà, alla vera e propria
rielaborazione critica della teoria di Einstein.
È, quindi, indubbio che l’input decisivo alla filosofia della scienza whiteheadiana
viene dato proprio dalla rivoluzionaria teoria di Einstein. Lo stesso concetto di evento,
che nei testi successivi ricoprirà un ruolo fondamentale, prende certamente ispirazione
dalla terminologia minkowskiana, per la quale lo spaziotempo è popolato, appunto, da
eventi. Come abbiamo potuto vedere, tuttavia, l’evento della metafisica di Whitehead è
differente da quello della fisica relativistica. Quest’ultima, infatti, sembra ancora
attribuire troppa importanza alla componente materiale dell’evento. Lo spazio e il
tempo, certamente, non sono più strutture indipendenti le cui caratteristiche sono a
priori rispetto all’accadere degli eventi; essi dipendono dal tipo di evento (dalla velocità
del sistema di riferimento) al punto che possono essere considerati degli aggettivi
dell’evento stesso – fin qui abbiamo una perfetta coincidenza con l’evento
whiteheadiano. Tuttavia la materia, la particella oggetto dell’osservazione sembra
mantenere uno status privilegiato dal momento che è essa, nella relatività generale, a
“comandare” in un certo senso le caratteristiche dello spazio e del tempo. In questo
modo spazio e tempo (o, meglio, lo spaziotempo) sembrano essere caratteristiche della
materia, la quale assurge al ruolo di punto di partenza dell’indagine fisica. L’evento
whiteheadiano, invece, anche per sopperire al decisivo problema della misurazione, non
ha un punto di partenza assiomatico che implichi uno status privilegiato della materia.
Certamente, anche in questo caso si ha bisogno di un punto di partenza sostanziale del
quale le manifestazioni fisiche basilari (spazio, tempo e materia) siano gli aggettivi,
caratteristiche di uguale dignità e importanza. Ebbene, il punto di partenza è l’evento in
quanto entità metafisica.
L’evento di Whitehead deve contenere caratterizzazioni temporali, spaziali e
materiali; ma deve anche possedere una caratteristica ulteriore: deve contenere il
proprio passato. Ma in che senso? Ebbene, l’evento, che diventerà così importante per la
metafisica di Whitehead, deve evitare, innanzitutto, il ridursi a sostanza, mantenendo,
invece, la caratteristica di punto di incontro di relazioni. Proprio perché Whitehead non
accetta l’idea della simple location, ovvero il fatto che il mondo sia costituito da oggetti
sostanziali posizionati in una dato punto dello spazio e del tempo, egli elabora l’idea di
un evento che sia concrescenza, risultato (temporaneo) di una rete infinita di relazioni
che lo hanno determinato. Questa rete infinita di relazioni è il processo, è la totalità
degli accadimenti dell’universo dalla sua esistenza fino al momento della concrescenza
stessa; e il singolo evento è il concretizzarsi di tale rete di relazioni, ovvero il suo
divenire soggetto, punto di incontro delle relazioni. In questo modo qualsiasi evento
(anche quelli statici, come il perdurare in una posizione da parte di una roccia) contiene
anche il proprio passato in quanto rete di relazioni sottostanti che ne hanno determinato
l’accadere. A sua volta, l’evento stesso diverrà oggetto di relazione per altre
concrescenze – e questo in un processo infinito. Le concrescenze continue del processo
verranno dette prensioni e la loro caratteristica sarà quella di costituire, per molti versi,
un continuo passaggio dalle componenti oggettive a quelle soggettive. La teoria fisica
che dovesse rispecchiare un tale scenario metafisico dovrebbe certamente tenere
presente la struttura delle prensioni e questa loro caratteristica ontologica.
Ma, per iniziare, la sfida di Whitehead è la seguente: come rendere conto della
gravitazione partendo dalla relatività ristretta ma senza ricorrere alla curvatura variabile
dello spaziotempo? È da questo quesito che nasce, appunto, la Teoria della Relatività di
Whitehead.
Il punto di partenza è costituito, dunque, dallo spaziotempo di Minkowski. Si tratta,
cioè, di operare all’interno di questa struttura a quattro dimensioni e costruire una teoria
gravitazionale che non comporti una curvatura variabile dello stesso spaziotempo.
Consideriamo, a tal proposito, due corpi che chiameremo M e m. M costituisce, nel
nostro esempio, la sorgente del campo gravitazionale mentre m è il corpo che subisce
l’effetto di tale campo. Immagineremo la descrizione di un urto dovuto alla
precipitazione del corpo m sul corpo M a causa dell’attrazione gravitazionale da parte di
quest’ultimo. Ebbene, ciò che dovremo fare sarà trovare una legge che illustri in che
modo la “vita” spaziotemporale del corpo m, ossia la sua linea di universo, viene
perturbata dalla presenza del corpo M, ossia dalla linea di universo di quest’ultimo fino
a causarne la precipitazione. Si tratta, in breve, di riformulare la legge di gravitazione
universale di Newton in modo che risulti coerentemente inserita nella teoria della
relatività ristretta.
Come si è soliti fare in sede didattica, semplifichiamo lo spaziotempo con cui
abbiamo a che fare e consideriamo il caso in cui esso sia costituito solamente da due
dimensioni, una spaziale e l’altra temporale. Parallelamente all’ascissa del grafico,
dunque, avremo i movimenti delle particelle lungo l’unica dimensione spaziale
consentita; all’ordinata avremo i rispettivi movimenti nel tempo (come di consuetudine
la dimensione ct viene assimilata, per comodità, alla dimensione temporale). Le linee
con cui rappresentiamo questi movimenti sono dette linee di universo.
Nel caso rappresentato in Fig. 1 ci troviamo di fronte a questa situazione: il corpo M
rimane fermo nello spazio mentre si muove nel tempo dall’istante t0 all’istante t2. Anche
il corpo m rimane fermo nello spazio per un certo intervallo di tempo (da t0 a t1) ma,
all’istante t1, incomincia a muoversi anche nello spazio, si avvicina a M (lungo l’unica
direzione consentita dal nostro grafico) e, infine, si scontra con esso. Siamo di fronte,
cioè, a una possibile esemplificazione di un episodio di attrazione gravitazionale
culminante con lo scontro tra i due corpi.
La prima domanda che dobbiamo affrontare è la seguente: perché il corpo m inizia a
muoversi nello spazio solo dall’istante t1? Anche negli istanti precedenti a t1 M è
presente, eppure m rimane in quiete. Perché? Il motivo dell’imbarazzo è dato dal fatto
che la Fig. 1 è, per così dire, incompleta. Ciò che manca è la rappresentazione grafica
del cono di luce che, di fatto, spiega molte cose. Poiché l’evento in considerazione (per
esempio il corpo m all’istante t1) sta esattamente al vertice del proprio cono di luce, e
quindi tra ciò che viene chiamato “passato assoluto” e “futuro assoluto” dell’evento
stesso, ci si trova di fronte a un’importantissima conseguenza concettuale introdotta
dalla concettualizzazione di Minkowski: l’impossibilità dell’esistenza dell’universo in
un istante. Dal “punto di vista” del sistema di riferimento dell’evento m, cioè, non è
possibile mettere in relazione causale se stesso con un altro evento, diciamo M, che
giace sulla stessa asse temporale (per esempio y=t1) perché quell’evento, per m, non è
correlabile fisicamente. Dobbiamo, per così dire, aspettare che la particella-evento M
entri a far parte del cono di luce di m per poter parlare di una qualche interazione (se
non altro “storica”) tra le due particelle. Ecco perché m inizia a muoversi solo da un
certo istante.
Si può scorgere in questa situazione la forte rivoluzione subita dal concetto di
contemporaneità con l’avvento della relatività speciale. Infatti la stessa interazione
causale subisce una radicale revisione dal punto di vista fisico. Nella fisica classica
l’interazione causale meccanica deve presupporre che due eventi vengano a contatto a
un dato istante dell’asse del tempo (che ricordiamo essere assoluto). Per esempio,
quando diciamo che la pallina A ha colpito la pallina B all’istante t0, intendiamo dire che
all’istante t0 dell’asse temporale dell’universo le palline A e B, necessariamente, si
dovevano trovare nello stesso luogo. Altrimenti il contatto fisico, quindi l’urto, non
avrebbe potuto accadere. Ora, nel contesto minkowskiano, non si tratta di negare che
due palline, per urtarsi, debbano, in qualche modo, venire a contatto. Semplicemente
dobbiamo ricordare che il concetto di simultaneità, per esempio, subisce, nello
spaziotempo di Minkowski, una trasformazione radicale.
Ragioniamo, a tal proposito, immaginando una sorta di moviola dell’urto.
Nell’istante dell’urto, m e M (immaginiamo che m “precipiti” su M) si trovano nello
stesso punto dello spaziotempo. Ma se torniamo indietro di qualche fotogramma ci
troviamo di fronte a due possibilità: fatto salvo che m deve far parte, come abbiamo
visto, della parte superiore del cono di luce di M, vale a dire del suo futuro assoluto
(infatti, “rimandando avanti il nastro”, ci accorgiamo del fatto che è nel futuro di M il
fatto che verrà urtato da m), esso farà parte del confine del cono di luce di M o
dell’interno? Questa è una domanda decisiva, dal momento che c’è una differenza
capitale tra le due regioni del cono di luce. Il “confine” infatti è ciò che nello
spaziotempo di Minkowski viene chiamato “intervallo di tipo luce”, il raggio di luce che
collega due eventi. Si tratta di un intervallo spaziotemporale, si badi bene. Non di un
intervallo spaziale o temporale. All’interno del cono avremo, invece, gli intervalli di
tipo tempo ovvero segnali che connettono gli eventi tra loro, ma che viaggiano a
velocità inferiori a quella della luce.
È proprio Whitehead, qui, a indicarci quale strada seguire. Egli, infatti, sostiene che
gli eventi m e M, per dirsi correlati causalmente, debbono essere sempre uniti da una
retta inclinata di 45° rispetto all’asse delle ascisse (tale retta, in Fig. 2, unisce i punti di
tipo a ai punti di tipo b delle linee di universo dei due oggetti). Questa richiesta equivale
a richiedere che la distanza spaziotemporale tra i due eventi sia sempre zero.
In Fig. 2, che completa Fig. 1 con la raffigurazione dei coni di luce dal vertice in giù
(il passato assoluto), si ha l’illustrazione di ciò che stiamo dicendo.
Con l’avanzare della traslazione del cono di luce di m (e quindi con il precipitare di
m su M), l’intervallo temporale tra i due eventi tende a diminuire, fino a raggiungere il
valore zero all’evento della collisione. Lo stesso si può dire per l’intervallo spaziale.
Questi costituiscono, ovviamente, due requisiti intuitivi affinché possa avvenire l’urto
tra i due corpi dovuto all’attrazione gravitazionale. Inoltre, nel percorso di
avvicinamento dell’evento m alla linea di universo dell’evento M, il requisito principale
richiesto dalla formulazione di Whitehead, come abbiamo appena visto, è che la loro
distanza spaziotemporale resti uguale a zero, per salvaguardare il fatto che i due eventi
sono correlati casualmente, secondo la definizione di Whitehead. Ebbene, nel caso della
gravitazione, tale correlazione causale è data ovviamente dalle onde gravitazionali che
si propagano, appunto, a velocità c19 e quindi lungo la retta inclinata di 45°. Va da sé
che la traiettoria che ne risulta è obbligata da questi tre requisiti20 ed è, inoltre, in
funzione delle masse dei due corpi.
La meccanica gravitazionale appena descritta viene espressa da Whitehead nella
formula fondamentale della sua teoria
in cui il tensore dJ2 (ciò che Whitehead chiama potential mass impetus) esprime la
traiettoria spaziotemporale del corpo che subisce l’attrazione gravitazionale; è
l’incremento infinitesimo sulla sua linea di universo da parte del corpo di prova in
assenza della sorgente del campo gravitazionale; il segno di sommatoria sta a indicare
che la perturbazione del percorso spaziotemporale del corpo di prova m tiene conto di
tutte le possibili sorgenti influenti. M è, di fatto, la riduzione in forma invariante
rispetto alle trasformazioni di Lorentz della legge di gravitazione universale di Newton;
dG è l’incremento infinitesimo sulla sua linea di universo da parte del corpo sorgente
del campo gravitazionale.
Whitehead, dunque, considera causalmente correlati solo gli eventi uniti da un
intervallo di tipo luce, mentre considera gli altri punti interni al cono di luce
semplicemente come parte del percorso cinematico spaziotemporale dell’evento in
questione21. Per quale motivo? Whitehead non è chiaro nell’esposizione, sembra
assumere questo criterio a mo’ di postulato. Certamente discutere di questo punto ha
un’importanza fondamentale, dal momento che viene considerato il concetto stesso di
causalità. Cerchiamo di ipotizzare ora il motivo per cui Whitehead decide di considerare
correlati casualmente solo quegli eventi separati da un intervallo di tipo luce.
Nella fisica classica, come abbiamo visto, la causalità meccanica richiede una
condizione ben precisa: che al momento dell’urto la distanza dei due corpi interessati (la
palla A e la palla B che vengono a urtarsi) sia uguale a zero. Nello spaziotempo
minkowskiano, l’equivalente dell’elemento di linea euclideo, che ci indica la “distanza”
è dato da un momento che viene chiamato intervallo spaziotemporale. L’intervallo spaziotemporale tra due eventi è invariante, così come invariante, nella fisica classica erano le lunghezze
spaziali.
Ciò che, dunque, si dovrà richiedere, analogamente, secondo la concezione di
Whitehead, affinché ci sia interazione causale tra due eventi è che essi siano separati da
un intervallo spaziotemporale la cui lunghezza sia uguale a zero. Il che equivale a
richiedere che i due eventi siano separati da un intervallo di tipo luce. Ciò vale
certamente e banalmente per tutti i casi di causalità meccanica, in cui gli eventi che
concorrono (dei quali uno è la causa) vengono uniti in un unico evento, l’urto, per cui la
loro distanza spaziotemporale degenera a zero. Ma ciò vale anche per tutti quei casi
eventuali in cui la causa e l’effetto (durante l’evento di causazione) sono separati
spazialmente – ovvero l’azione a distanza. L’attrazione gravitazionale è un ottimo
esempio: la causa e l’effetto sono collegate dalle onde gravitazionali le quali, secondo
Whitehead, riprendendo la teoria dell’elettrone di Lorentz, si propagano alla velocità
della costante c (la velocità della luce dello spaziotempo minkowskiano) e quindi
dovranno anch’essi essere separati da un intervallo spaziotemporale pari a zero.
L’interazione tra causa ed effetto, cioè, è in atto nonostante la distanza spaziale: ecco
svelata l’essenza dell’azione a distanza all’interno della fisica relativistica!
Certamente il requisito generale per cui due eventi correlati causalmente devono
essere collegati da un intervallo di tipo luce può sollevare dubbi e obiezioni. Tale
concezione, infatti, non appare essere totalmente giustificata sia dal punto di vista fisico
che da quello metafisico; tuttavia si tratta di un importante punto di partenza e di
caratterizzazione per la fisica di Whitehead, del quale dobbiamo necessariamente tener
conto. Tale requisito è, dunque, fondamentale, e comporta due conseguenze;
innanzitutto, contribuisce a conferire alla teoria della relatività di Whitehead la sua
formulazione matematica caratteristica e, inoltre, come conseguenza, per così dire,
indiretta, introduce un “ritardo” nella propagazione delle onde gravitazionali, nel senso
che la propagazione di queste ultime non è istantanea, come nella legge di gravitazione
universale newtoniana, bensì impiega un tempo r/c – dove r rappresenta la distanza tra
la sorgente del campo gravitazionale e il corpo che ne subisce l’attrazione.
Quest’ultimo aspetto viene spesso considerato come una conseguenza diretta della
formulazione whiteheadiana. Tuttavia si tratta di un errore. Il ritardo con cui si ha a che
fare quando si parla della teoria di Whitehead è un ritardo che deriva, essenzialmente,
dalla struttura stessa dello spaziotempo di Minkowski. Infatti, abbiamo visto che nello
spaziotempo non è possibile parlare di universo in un istante. Intuitivamente possiamo
renderci conto sperimentalmente di questa osservazione grazie a un esempio piuttosto
elementare. Quando osserviamo un’automobile che passa davanti a noi a circa cento
metri di distanza, noi non abbiamo a che fare con l’immagine attuale dell’automobile,
bensì con la sua immagine passata (un passato, in ogni caso, molto vicino), dal
momento che la luce, per quanto viaggi a una velocità elevatissima, non percorre lo
spazio istantaneamente. Pertanto, a cento metri di distanza dal mio sistema di
riferimento, non esiste sullo stesso iperpiano di simultaneità nessuna auto che sfreccia,
non esiste, in breve, nessun altro sistema di riferimento. Si badi bene, questo
ragionamento non è da intendere in senso empirico. Non si tratta, infatti, di “lentezza”
delle informazioni visive che partono dall’automobile e che arrivano alla mia retina
dopo un periodo di tempo comunque finito. O, meglio, non si tratta solo di questo22.
Piuttosto, il requisito della costanza della velocità della luce rispetto ai diversi sistemi di
riferimento fa sì che il limite della velocità della luce sia anche il limite della velocità di
connessione tra due eventi nello spazio.
Ma se a cento metri di distanza dal mio sistema di riferimento, in un dato istante
(misurato dal mio sistema di riferimento) non esiste nessuna automobile sfrecciante,
come faccio a interagire con il mondo? Come faccio a colpire una palla e sostenere che
io sono stato la causa del suo mettersi in moto? Anche qui la risposta è relativamente
semplice e richiama un concetto esposto poco sopra.
Se, come abbiamo visto, la connessione causale, nello spaziotempo, avviene lungo
gli intervalli spaziotemporali di tipo luce (per i quali l’elemento di linea è uguale a
zero), allora due eventi correlati causalmente devono giacere su una linea che forma un
angolo di 45° con l’asse delle ascisse. Di conseguenza si hanno due casi:
a) i due eventi stanno pressoché nello stesso punto dello spaziotempo;
i vertici dei due coni di luce coincidono. È, per fare un esempio meccanico,
il momento dell’urto, il momento in cui il corpo m, precipita sul corpo M
per effetto dell’attrazione gravitazionale di quest’ultimo.
b) M fa parte del passato di m. Non può far parte del futuro perché
non può influenzare m dal futuro; questo è dovuto al fatto che abbiamo
originariamente posto che M sia la causa del movimento di m. In breve: M è
l’antecedente causale.
Quindi il corpo che funge da causa gravitazionale deve trovarsi sempre nel passato del
corpo che subisce la stessa azione. Non può darsi l’evenienza di un’azione diretta e
immediata. Questo è piuttosto intuitivo anche se restiamo nell’ambito della fisica
newtoniana. Se l’attrazione gravitazionale avviene per propagazione di onde, va da sé
che queste onde si propagheranno a velocità finita e, pertanto, sarà sempre presente un
“ritardo” tra l’evento della causa e l’evento dell’effetto. Tuttavia questo lato intuitivo
della legge di gravitazione non viene espresso nella famosa equazione di Newton, dove
è presente una sorta di istantaneità dell’intervallo causa-effetto. Nella legge di
Whitehead, invece, grazie alla struttura dello spaziotempo minkowskiano cui si rifà
ampiamente, questo “ritardo” assolutamente reale, intuitivo e logicamente ineccepibile,
è parte costituente della legge di gravitazione stessa.
Mi spiace perchè i grafici e le formule non ho potuto riportarle. Comunque il sito che ho posto all'inizio sopperisce questa mancanza.

In sintesi:

Come già detto la relatività di Whitehead ha trovato più conferme sperimentali della relatività di Einstein.
Potrete anche notare come la fisica di Whitehead abbia parecchi punti in comune con la quantistica.
Anche il concetto quantistico di due atomi che sono venuti a contatto, ed i cui elettroni orientano lo spin nello stesso istante anche se si trovano ad un miliardo di anni luce, concorda perfettamente con il parallellismo di Whitehead, parallellismo sul quale si posa anche il criterio di congruenza, senza il quale molte leggi fisiche resterebbero inspiegabili.
Del resto se tale postulato di congruenza venisse a mancare, cadrebbe inevitabilmente anche il concetto di sincronicità.
Se nell'universo stesso ogni sistema ha il "suo tempo", perchè tutto si muove, l'universo diventerebbe indecifrabile. Il concetto di sincronicità è indispensabile per decifrare l'universo, calcolare le distanze fra gli ammassi galattici, calcolare il volume e la velocità di espansione.
Pertanto il tempo deve essere necessariamente sincrono in tutto l'universo e per ogni sistema di riferimento, altrimenti non ci potrebbe più essere riferimento e verrebbe a mancare quella coesione che tiene unito il tutto.
Certamente Whitehead non ha ricevuto il premio Nobel, perchè le sue considerazioni non sono semplici e travalicano la comune logica.
Ma sono di una portanza tale che annullano con semplicità la Relatività di Einstein, in particolare la Relatività Ristretta.
E per quanto la formula E=M*C^2 sia esatta, non intacca minimamente le considerazioni di Whitehead e le sue considerazioni sul tempo.
Pertanto non c'è nessun tempo che si allunga o si restringe, nessun spazio che si dilata, ma tutto avviene nella sincronicità, perchè l'universo nel suo insieme deve considerarsi unità e tutto questo per salvare quel principio di coesione senza il quale nulla sarebbe decifrabile.

Per quanto riguarda le formule mi sono reso conto che sono sparite. Pertanto vi riporto questo sito sperando che riusciate ad aprirlo:

http://www.uniurb.it/Filosofia/isonomia/2006brame.pdf

Bibliografia
AA.VV., 1984, A.N. Whitehead’s Relativity Theory, Claremont, Centre for Process
Studies.
Ariel, R., 1974, «Recent Empirical Disconfirmation of Whitehead’s Relativity Theory»,
in Process Studies, 4, 1974, pp. 285-287.
Bain, J., 1998, «Whitehead’s Theory of Gravity», in Studies in History and Philosophy
of Modern Physics, 29, 4, pp. 547-574.
Band, W.,1929, «Dr. Whitehead’s Theory of Absolute Acceleration», in Philosophical
Magazine, 7, pp. 434-440.
Bonfantini, M.A., 1972, Introduzione a Whitehead, Bari, Laterza.
Dalla metafisica alla fisica 15
Isonomia 2005
Boniolo, G., (a cura di), 1997, Filosofia della fisica, Milano, B. Mondadori.
Bridgman, P.W., 1927, The Logic if Modern Physics, New York, MacMillan (trad. it. di
V. Somenzi, La logica della fisica moderna, Torino, Bollati Boringhieri 1997)
Broad, C.D., 1923, «Review: Whitehead – The Principle of Relativity», in Mind, 32,
pp. 211-219.
Broad, C.D., 1948, «Alfred North Whitehead (1881-1947)», in Mind, 57, pp. 139-145.
Clark, G.A., 1954, «The Problem of Two Bodies in Whitehead’s Theory», in
Proceedings of the Royal Society of Edinburgh, Ser. A, 64, pp.49-56.
Dyer, J.L., Schild, A., 1962, «The Centre of Mass Motion in a Conservative
Gravitational Theory of Whitehead’s Type», in Journal of Mathematical Analysis
and Application, 4, pp. 328-340.
Eddington, A.S., 1924, «A Comparison of Whitehead’s and Einstein’s Formulae», in
Nature, 113, p. 192.
Fowler, D., 1974, «Disconfirmation of Whitehead’s Relativity Theory – A Critical
Reply», in Process Studies, 4, 1974, pp. 288-290.
Van Frassen, B.C.,1970, An Introduction to the Philosophy of Time and Space, New
York e Toronto, Random House.
Grünbaum, A.,1962, «Whitehead’s Philosophy of Science», in Philosophical Review,
71, pp. 218-229.
Lowe, V., 1985, Alfred North Whitehead: the Man and His Work, Baltimora, John
Hopkins University.
Mac Kenzie, L., 1923, «What does Dr. Whitehead Mean by “Event”?», in Proceeding
of Aristotelian Society, n. s., XXIII, pp. 229-244.
Mentock, R.M., 1995, «The Geophysical Test of a Theory of Relativity», in EOS,
76(46), Washington, American Geophysical Union.
Misner, C., Thorne, K., Wheeler, J., 1973, Gravitation, San Francisco, Freeman, (spec.
pp. 430, 1048-1049, 1066-1069, 1122-1125)
Moritz, H., 1990, «Geodesy and Geophysics in their interaction with mathematics and
physics, and some open problems in geodesy», in AA.VV. Quo Vadimus –
Geophysics for the Next Generation, (atti del convegno omonimo), Washington,
AGU, pp. 1-4
Northrop, F.S.C., 1941, «Whitehead’s Philosophy of Science», in P.A.Schilpp (ed.), The
Philosophy of Alfred North Whitehead, New York, Tudor, pp. 165-207.
Price, L., 2001, Dialogues of Alfred North Whitehead, II ed., Jaffrey – NH, D.R.
Godine.
Rayner, C.B., 1954, «The Application of the Whitehead Theory
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
 
La relatività di Whitehead
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Fisica ...tra Scienza e Mistero (Universo,Energia,Mente e Materia) :: Scienze esatte-
Andare verso: