Fisica ...tra Scienza e Mistero (Universo,Energia,Mente e Materia)

Fisica ...tra Scienza e Mistero (Universo,Energia,Mente e Materia)

Il forum scientifico di Fausto Intilla (Inventore-divulgatore scientifico) - WWW.OLOSCIENCE.COM
 
IndicePortaleFAQCercaRegistrarsiLista utentiGruppiAccedi

Condividere | 
 

 Il Fitoplancton è contenuto in grande quantità nelle nuvole

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Claudio Sauro



Numero di messaggi : 286
Localisation : Italia
Data d'iscrizione : 19.10.09

MessaggioOggetto: Il Fitoplancton è contenuto in grande quantità nelle nuvole   Ven Lug 13, 2012 12:51 pm

Mentre mi trovo al mare, ho letto proprio oggi un articolo di Focus particolarmente interessante e che mi rivela delle cose che non avrei mai sospettato.
Dice" Le nuove ricerche hanno rivoluzionato il nostro modo di concepire l'atmosfera."

La massa d'aria va incontro come gli oceani a maree di enormi dimensioni. Il calore solare e l'attrazione lunare la alzano e la abbassano. Queste maree d'aria spingono verso l'alto gli strati superiori arrivando talvolta ad influenzare i satelliti.
Ma la cosa più sconvolgente che si è scoperta è che nell'aria circolano numerosissimi, funghi, batteri ed alghe.
I primi a rendersene conto furono i piloti Chrles Lindbergh ed Amelia Earhart., ma risale a James Lovelokla scoperta del tipo di microorganismi che circolavano.
Fondamentale è un alga che poi è un fitoplancton, l'Emiliana Huxleyi.
Nel 1997 Birgt Sattler dell' Università di Insbruck esaminò goccioline d'acqua raccolte a 3000 metri, e trovò che in ogni millimetro cubo d'acqua vi erano 1500 cellule, che erano ovviamente presenti anche nell'acqua piovana ritenuta sterile ed i microorganismi erano soprattutto rappresentati dal Emiliana Huxleyi.
Chi avrebbe detto che i fitoplancton sono presenti in grandissima quantità nelle nuvole e contribuiscono come nuclei di condersazione alla formazione dei sistemi nuvolosi, ma non solo, che pure la Emiliana Huxleyi è presente in alta quantità anche nell'aria che respirate continuamente.
Sono le nuvole con le sue alghe in sospensione che contribuiscono alla formazione dell'ossigeno, più ancora della foresta amazzonica.

Ed è questa veramente la grande novità di cui ci si è resi conto.
Anche l’Antardide che comunemente si pensa il continente meno inquinato, in realtà si è visto che è soggetto ad inquinamento da parte di correnti che provengono addirittura dall’emisfero Nord, così gli americani che hanno una bella base antartica, si ritrovano gli stessi inquinanti che hanno prodotto negli USA, oltre a quei funghi, alghe e batteri di cui stiamo trattando. Alcuni batteri, dopo trivellazioni, sono ritornati in vita anche dopo 100.000 anni.

http://www.okpedia.it/batteri-tornan...centomila-anni


Nell’Artide invece sono presenti in minore quantità , perché il ghiaccio si scioglie in primavera.
Nelle sorgenti invece non sono presenti, perché basta mezzo metro di sabbia o di terra argillosa per trattenerli.
Secondo Tim Lentom che insegna i cambiamenti climatici all'Università di Exeter queste cellule fungono da nuclei di condensazione di acqua e ghiaccio. Insomma sono fondamentali, perché senza di loro non si formerebbero le nuvole, e quindi non avremmo le piogge.
La vita di questi batteri “metereologici” si svolge quindi senza toccare terra, sono presenti ovunque, dall'equatore ai poli.
Ma comunque la teoria ufficiale è che si tratti di batteri portati da terra o dagli oceani dalle correnti ascendenti, e che possono raggiungere altissime quote. Alcuni ricercatori però sostengono che in particolare le alghe siano in grado di riprodursi anche nell’aria, se c’è sufficiente umidità, ad esempio nelle nuvole.
Sono stati trovati funghi del genere Penicillum a 77 Km di altezza, e batteri come Micrococcus a 70 km di altezza.
E’ chiaro che dopo una pioggia torrenziale il numero di questi batteri, alghe e funghi cala drasticamente, per riportarsi a valori variabilissimi, a seconda del vento, della temperatura ed altro.
Calano però con l’altezza e se ci portiamo a 3000 metri è probabile che non si trovino più di 100.000 microorganismi per m^3 in assenza di nuvole, mentre aumentano in modo esponenziale se ci sono nuvole.
In pianura invece possono essere anche 200-400 mila per m^2 anche in assenza di nuvole.

La specie umana si è ben adattata a respirare questi microorganismi nel corso di milioni di anni, ma taluni sviluppano allergie, ed allora abbiamo asma, riniti allergiche o patologie polmonari più gravi.
Si è calcolato che nell'intera massa d'aria vivano 4,86*10^22 di batteri e funghi e alghe ( mille miliardi di miliardi di microorganismi circa) per fare una stima in difetto perchè è probabile che siano molte di più.

Già io avevo segnalato che vi era una quantità di pulviscolo nell'aria anche ad alte quote (1000 metri), e non me ne davo ragione. E' chiaro che oltre a questi batteri si possono sommare gli inquinanti industriali, ed allora è ancora peggio.
Ma ora è arrivato l'articolo che mi ha chiarito le idee.
Già avevo posto questo filmato:
http://www.youtube.com/watch?v=kCRIw3-HVvg
che mette in evidenza le polveri più grandi. Si tenga presente che la luce è potentissima, per questo con una luce normale le polveri non si vedono. Ed ad osservazione diretta è impressionante la quantità di polveri che si vede passare davanti al faro , cosa che ovviamente la telecamera non mette in evidenza.







Guardando al microscopio una goccia di acqua piovana.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
 
Il Fitoplancton è contenuto in grande quantità nelle nuvole
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» mud quantità dichiarata prodotta superiore a quella smaltita l'anno successivo
» ...il grande gioco di Madame Lenormand...
» SCHEDE LOGICHE su numeri e quantità (infanzia e primaria)
» trasporto ADR in esenzione totale per quantità limitate
» compilazione mud: quantità totale prodotta nell'anno di riferimento

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Fisica ...tra Scienza e Mistero (Universo,Energia,Mente e Materia) :: Scienze della Terra-
Andare verso: